XII Illustri, svapando Cuba – L’angolo di Meoli

0

Azhad’s Elixir, ancora una volta, riesce semplicemente a strabiliare.
Dopo aver annunciato la collaborazione con Svapoweb, studiando un’apposita linea di aromi concentrati; Dopo aver lanciato, tempo fa, una meravigliosa linea di aromi non filtrati; Dopo aver più recentemente lanciato gli scomposti “The American Dandy” e la linea “Tobacco Elegance”.

Ebbene, dopo tutto ciò, ora è la volta del lancio sul mercato di uno scomposto che, tra le sue note aromatiche, nasconde un vero capolavoro, ovvero “XII Illustri”.
“XII Illustri” è un aroma venduto in formato scomposto 20 ml cui aggiungere glicerina e nicotina per ottenere un liquido pronto da svapare da 60 ml.

E’ un blend di tabacco realizzato da ben 12 tipi diversi di sigari cubani lasciati maturare per tre lunghi anni!
Dodici illustri sigari cubani, maturati per tre lunghi anni in un singolo Humidor per affinarne e armonizzare i sapori, un anno di lenta macerazione seguito da un altro anno d’invecchiamento, un lustro di lavoro e quattro d’esperienza per darvi il sigaro definitivo, in cui ogni singola sfumatura è valorizzata ed amplificata. Partagas Aristocats, Partagas Shorts e H. Upmann Regalias a dare la melodia, mentre i Bolivar Petit Coronas e gli H.Upmann Noellas giocano in contrappunto, un bariolage fra Hoyo de Monterrey Flor Extrafina e un susseguirsi in rapida successione di Ramon Allones Superios, Romeo Y Julieta Petit Churchills, Montecristo Especiales No.2 e Romeo Y Julieta Mille Fleur, portano tutto in un esplosivo finale di fiati con il Partagas Mille Fleurs e il Montecristo No.2, un concerto sinfonico di sapori che vi lascerà senza parole dalla prima”.

Questa è la descrizione del produttore, perfettamente in linea con l’aroma.
Ho avuto modo di testarlo per Svapo Magazine e posso garantirvi di aver percepito fin dalla prima svapata un gusto bello pieno e complesso nel suo insieme. Non vi nascondo come, per qualche attimo, sia rimasto senza parole: ho come avuto la sensazione di essere seduto in poltrona, prendere un sigaro cubano dall’humidor, bagnarlo tra le labbra e godermi un po di fumo lento di qualità. Con la differenza, però, di avere la consapevolezza di provare lo stesso piacere nello svaparlo e di non dovermi sobbarcare tutti i danni legati al fumo convenzionale di tabacco.
Godermi il gusto di un aroma del genere mi ha riportato nelle “Calle de l’Havana”, come se stessi passeggiando sul Malecon, come se stessi sorseggiando un buon rum Don Papa, un Santa Teresa piuttosto che un Diplomatico, tra un passo di salsa ed un Son Cubano.
Complimenti ad Andrea Colaianni per questo capolavoro che, dirò, non vi uccide neanche le resistenze pur essendo complesso nel suo insieme.

A tal proposito, l’ho testato sia in bottom feeder, sul mio Viper V2, sia in un classico Rta da guancia, come l’Innokin Ares 2 LE che, con un ancora più modesto Zlide, sempre di Innokin. Anche se sono tentato a dargli anche una possibilità in flavour. E, a tal proposito, penso di provarlo nella Argus Pro di Voopoo, di cui magari vi parlerò al prossimo giro di boa.
Sono curioso di provare i nuovi aromi macerati in uscita in collaborazione tra Azhad’s e Svapoweb.
Buono svapo a tutti noi.
Antonio Meoli