Xavier Becerra, un nemico del vaping Capo del Dipartimento Salute Usa

0

Pessime, davvero pessime notizie per il settore svapo degli Stati Uniti d’America.
Ebbene si perchè, con recente voto dei senatori Usa, il Procuratore generale della California, Xavier Becerra, è stato nominato Capo del Dipartimento della Salute e dei Servizi umani degli Stati Uniti. 
Dipartimento che sovrintende, giusto per capire, alla Food and Drug Administration, ai Centers for Disease Control and Prevention ed alla Substance Abuse and Mental Health Services Administration.
L’omologo, per dirla breve, sebbene con poteri decisamente più robusti, del nostro Ministro della Salute.
Ebbene, qual’è il problema?
Il problema vive nel fatto che il signor Becerra è uno che le sigarette elettroniche, ed i prodotti del vaping in generale, non li alleggerisce proprio.
Durante il suo mandato come Procuratore generale della California, ad esempio, Becerra ha capitanato svariate azioni collettive, di tipo giudiziario, contro importanti aziende di sigarette elettroniche.
Su tutte quella contro Juul Labs. 
Si ricorda quella del 2019 allorquando il medesimo ebbe a promuovere causa contro il gruppo guidato dal Ceo Crosthwaite contestando all’azienda di aver posto in essere pratiche di marketing ingannevoli con il presumibile intento di “sedurre” i più giovani.
Ma il nuovo “boss” del Dipartimento della Salute si è distinto anche per essere stato uno dei principali sostenitori delle politiche restrittive attuate a San Francisco in fatto di vendita di e-liquid.

PIONIERE DELLE BATTAGLIE GIUDIZIARIE CONTRO JUUL LABS

In buona sostanza, non è remoto ipotizzare – in tal senso arrivano non felici indiscrezioni dal suo entourage – Xavier Becerra stringerà ulteriormente per quel che riguarda le misure restrittive anti-svapo.
In particolar modo si “teme” anche come, con il medesimo, si potrà assistere ad una accelerata verso la approvazione della legge federale di limitazione della commercializzazione dei liquidi da svapo ai soli aromi “basici” con esclusione, invece, di tutti quelli aventi fragranze fruttate e dolci.
Una norma che, ora come ora, vive solo a livello di singoli Stati membri e che, con l’avvento dell’ormai ex Procuratore della California, potrebbe determinare il grande salto della norma, appunto, su scala complessiva di tutti gli States.
Insomma, per dirla breve: mala tempora currunt per gli svapatori stars and stripes