Vaping, l’Agenzia Dogane e Monopoli si “avvicina” alla base

0
569

Rafforzare il rapporto tra le Istituzioni e quanti, associazioni in primis, sono operanti nel settore del vaping.
E’ questa la volontà del nuovo corso dell’Agenzia Dogane e Monopoli che, in linea con tale filosofia, ha voluto aggiungere un canale “comunicativo” dedicato con le realtà di filiera.

Dalla giornata di ieri, infatti, “è attivo sul sito internet il modulo web per l’accreditamento delle associazioni di categoria che permette la creazione di un Albo di associazioni accreditate dall’Agenzia stessa”.
Così rende noto apposita nota diffusa dall’Agenzia fiscale da poco guidata da Marcello Minenna.

Il nuovo modulo web – è ulteriormente precisato – consente la rapida gestione del ciclo di accreditamento e vede mobilitate tutte le strutture centrali di core business abilitate alla ricezione e alla valutazione delle richieste e, quindi, all’accreditamento dei richiedenti. Tramite la nuova funzionalità sarà possibile anche vedere tutte le richieste approvate o rifiutate, così come le nuove schede inserite d’ufficio da Adm.
Adm – la conclusione – rafforza così il proprio dialogo con le Associazioni di categoria più importanti e rappresentative a livello nazionale e regionale”.

L’obiettivo è quello di stabilire un dialogo più prossimo avvicinando gli operatori della “base” alle sedi decisionali. Per quel che riguarda la formazione dell’Albo non sono, ai fini dell’inserimento entro lo stesso, indicate, al momento, scadenze temporali presentandosi la finestra come indefinitamente “aperta”.

LE MODALITA’ DI REGISTRAZIONE

Una volta collegatisi al sito dell’Agenzia Dogane e Monopoli, quanti interessati dovranno cliccare sulla voce “Associazione di categoria – inserimento scheda”. Chi, invece, avesse già adempiuto a tale procedura e volesse verificare lo stato dell’istanza, avrà da cliccare su “Associazione di categoria – verifica stato”. In ultimo, alla voce “Elenco associazioni”, si potrà verificare quante realtà, appunto, già figurino in seno all’Albo.
Quattro, in ultimo, le macroaree. Ovvero “Dogane”, “Energia ed Alcoli”, “Giochi” e “Tabacchi”. In queste ultime due categorie ancora non si registrano procedure di iscrizione concluse ed approvate.