Usa, a Palo Alto vogliono vietare lo svapo in pubblico

0
211

Svapi in pubblico? Ti multo. Ennesimo folle intento quello che viene dagli Stati Uniti d’America. E precisamente da Palo Alto, 61.200 abitanti nella San Francisco Bay Area, in California. Questa è l’indiscrezione che i media locali hanno intercettato e che prospetterebbe, nei modernissimi ed avveniristici Stati Uniti d’America, uno scenario di estremismo anti-svapo che neppure negli angoli più sperduti del Pianeta. Ma tant’è.

A Palo Alto è già in vigore, in realtà, il divieto di vendita di sigarette elettroniche e liquidi nei negozi. Un divieto condiviso, del resto, da tutta la più ampia Contea di Santa Clara di cui Palo Alto è parte. Con gli utenti della e-cig residenti in zona che, da parte loro, non hanno alternativa ad acquistare altrove i propri prodotti. In negozi “fisici” di altre contee o attraverso i sempre vivi canali di internet. Ora, però, l’ulteriore provvedimento aprirebbe scenari ben differenti. Perchè se realmente dovesse passare l’ulteriore stretta, non resterebbe ai poveri svapatori che chiudersi nelle proprie case e darsi, al segreto delle quattro mura, al fumo elettronico. Manco fossero carbonari.

In luogo pubblico, infatti, tanto “open air” tanto al chiuso, non ci si potrebbe assolutamente concedere lo specifico piacere. Come detto, si è solo a livelli di indiscrezioni e le informazioni che trapelano non chiariscono ancora alcuni punti centrali. Vi è, infatti, chi sostiene che, se divieto sarà, esso si rivolgerà in via esclusiva ai minori. Nè è chiaro quale sarà l’entità economica di una eventuale sanzione. Tutto ancora…fumoso, appunto, ma non per questo meno preoccupante.

LA PREOCCUPAZIONE DEGLI OPERATORI DEL TURISMO

Preoccupati, infatti, sono gli operatori del settore turistico che ritengono essere estremamente penalizzante una misura di tal tipo e, soprattutto, troppo impattante per turisti e non. E, ulteriore motivo di riflessione, non si può non fare riferimento al fatto che simili discipline non vi sono e né si ipotizzano per quel che riguarda il fumo “classico”. Quello può essere liberamente praticato. Come se uccidere milioni di persone in tutto il globo fosse motivo di merito…