“Sigaretta elettronica, bisogna fare rete”: il progetto Ambassador

0

Si chiama programma Ambassador ed è l’ultimo progetto targato World Vapers’ Alliance. Un programma che, spiegano dall’associazione guidata da Micheal Landl, è “volto ad estendere la rete globale di sostenitori dello svapo e fornire ai suoi membri il supporto necessario per amplificare la voce dei vapers nelle loro Comunità”.
World Vapers’ Alliance da anni, come agli addetti ai lavori noto, lavora nella direzione di sensibilizzare sull’importanza della sigaretta elettronica quale strumento di tutela della salute pubblica.

KATSIASHVILI “RAPPRESENTARE GLI STAKEHOLDERS DI TUTTO IL MONDO”

La World Vapers’ Alliance – così Liza Katsiashvili, community manager di World Vapers’ Alliance – vuole rappresentare gli stakeholders di tutto il mondo e colmare il divario tra attivisti, store e consumatori.
La maggior parte dei proprietari di negozi di vaporizzatori aiuta le persone a smettere di fumare ogni giorno.
Dovrebbero essere oggetto di plauso, ma invece sono colpiti da una cattiva regolamentazione tanto quanto noi consumatori”.

Il percorso di Ambassador è stato pensato per stabilire connessioni più forti e dirette tra i proprietari di shop del vaping, da un lato, e le migliaia di utenti finali ed attivisti, dall’altro.
Quanti vorranno condividere l’esperienza di Ambassador, fanno presente dalla Sigla, avranno la possibilità di accedere ad un puntuale aggiornamento normativo sullo svapo, avranno accesso prioritario al merchandising WVA e saranno invitati a presenziare a eventi promossi dalla Comunità potendo, per di più, porsi in più puntuale connessione con una rete globale di vapers, organizzazioni e store.

IN CENTO HANNO GIA’ ADERITO

Un fare rete, quindi, nella sua accezione più vasta e totale.
I negozi di svapo – ha aggiunto la Katsiashvili – non saranno membri delle nostre organizzazioni, ma come ambasciatori possono diventare moltiplicatori del nostro messaggio comune: lo svapo salva vite”.
Oltre cento attività del settore, intanto, in tutta Europa, hanno già data la loro adesione, ancor prima del lancio ufficiale.
La partecipazione è gratuita e non prevede costo di adesione alcuno.