Polosa “Scheer ignora riduzione del danno”

0
Coehar-ecco-lo-studio -Osserveremo-sigaretta-elettronica-per-sei-anni-svapomagazine.jpg
Coehar-ecco-lo-studio -Osserveremo-sigaretta-elettronica-per-sei-anni-svapomagazine.jpg

Il rapporto Scheer continua a destare la diffusa “protesta” dei protagonisti del settore vaping.
Dopo Ukvia e Wva, giungono le riflessioni molto perplesse anche da parte del Coehar e della Lega italiana anti fumo.
La considerazione lampante che viene da fare è che lo Scheer, che si ricorda è il Comitato scientifico a supporto della Commissione europea, non abbia assolutamente in termini di minor danno ma con una visione assolutamente limitata.
Le conclusioni prodotte dallo Scheer – fanno presente dal Coehar per bocca di Riccardo Polosaomettono, in maniera sorprendente, qualsiasi valutazione scientifica della riduzione del danno da fumo e dimostrano l’inosservanza da parte della Commissione di tutte le basilari norme di condivisione e ascolto.
Migliaia di studi scientifici hanno già dimostrato che, per chi non riesce a smettere di fumare da solo, il passaggio a prodotti privi di combustione riduce il danno da fumo correlato fino al 95%.
Sappiamo che per i soggetti affetti da alcune patologie (come ipertensione arteriosa, diabete, Bpco e, addirittura, schizofrenia) il passaggio alle elettroniche rappresenta la soluzione più efficace per ridurre e smettere completamente di fumare”

LIAF “MILIONI DI PERSONE HANNO SCELTO DI PASSARE ALLO SVAPO”

Appaiono evidenti, chiari i limiti insiti nella strutturazione del rapporto con i redattori che hanno beatamente ignorato le indicazioni ed i contributi che erano venuti dagli addetti ai lavori dopo elaborazione della bozza provvisoria.
Milioni di fumatori nel mondo – ha commentato, di seguito, il Presidente della Lega italiana anti fumo, Ezio Campagna – hanno scelto di passare allo svapo come soluzione meno dannosa.
Questi strumenti –
la conclusione del numero uno Liaf – garantiscono al fumatore un’esperienza sensoriale simile a quella del fumo ma senza i danni provocati dalla combustione e la presenza degli aromi risulta efficace anche nel processo di cessazione”.
In Europa il film pare essere già scritto: il copione anti svapo molto difficilmente potrà essere cambiato