Pablito, quando il contrasto vuol dire perfezione – L’angolo di Meoli

0

di Antonio Meoli
Pablito Svapoweb, quando il contrasto di sapori rende un liquido perfetto.
Dopo averne svapato litri ho deciso di parlarvi di un “must have” nel mondo dello svapo.
Ovvero il “Pablito” di Svapoweb: forse qualcuno lo ricorda con il  vecchio nome “Mexico reserve”.
Stando alla descrizione del produttore, si tratta di un semplice blend di tabacco latakia e virginia. Quindi uno scontro tra due poli opposti del tabacco.
Al primo tiro, viene subito fuori un gusto pieno e al contempo delicato, un liquido complesso nella sua semplicità.
Si avverte da subito il pugno forte del latakia, il re in assoluto dei tabacchi secchi ed affumicati – alla base.
Tra le note di fondo, si avverte anche una compagine dolciastra che va a bilanciare un mix che rasenta la perfezione: la regina tra le foglie di tabacco dolce per eccellenza, il virginia.
Così come per la cucina, il mix dolce amaro funziona alla grande anche nel mondo dei liquidi per sigarette elettroniche.
Il contrasto continuo con cui questo liquido meraviglioso giova con le nostre papille gustative è davvero spettacolare…se dovessi cambiargli il nome lo chiamerei sicuramente “Angeli e Demoni”.
Il demone è senza ombra di dubbio il latakia, una tipologia di tabacco molto particolare grazie al gusto forte ed affumicato che dona il particolare retrogusto amaro.
Anche all’odore, rimanda subito alle zone del Medio Oriente a vegetazione steppica.

L’ANGELO? È IL TABACCO VIRGINIA

L’angelo invece è rappresentato dal tabacco virginia, il tabacco dolce per eccellenza.
Normalmente si presenta di colore chiaro e a foglia sottile, di sapore dolce e delicato: completamente l’opposto rispetto al latakia che, invece, è di colore scuro e di sapore pungente e secco.
Deve assolutamente essere tra le prime scelte da consigliare per chi vuole smettere di fumare.
Ha un sapore bello, corposo e pungente ma, grazie alla nota dolce del virginia, risulta essere ben bilanciato e, quindi, riesce a lasciarsi svapare durante tutta la giornata.
L’ho provato in ogni tipologia: liquido pronto 10 m1, scomposto 60m1, mix 10+10 ed aroma concentrato, in ogni formato.
Rende meglio, senza dubbio, in sistemi di svapo Mtl, con l’aria ben contrastata e con un vapore non eccessivamente caldo, ovvero il classico liquido da svapare anche in sistemi entry level come Eq Fiktr o Zlide di Innokin, piuttosto che VStick Pro di Quawins o Wenax Stylus di Geekvape, ma vi garantisco che rende in modo spettacolare anche su sistemi rigenerabili.
Non l’ho testato in “cloud chasing” perché non amo particolarmente spingere i tabacchi a wattaggi spaventosi.
Però, se voi lo avete provato anche in flavour da 60w in poi, sarebbe bello ricevere il vostro feedback, tra i commenti, sulla nostra pagina Facebook.
Buono svapo a tutti noi.