Negli Usa le sigarette elettroniche costeranno più di quelle classiche

0

Le sigarette elettroniche costeranno ben più di quelle tradizionali se dovesse divenire legge il disegno noto come Build Back Better.
A lanciare l’allarme è stata la Vapor Technology Association con lo studio “The Negative Economic Impacts of the New Nicotine Tax Imposed Only on Vapor Products In the Reconciliation Bill”.
La nostra analisi – sottolineano gli autori dello studio – evidenzia come il disegno di legge imposterebbe i prodotti a vapore a un’aliquota molto più elevata rispetto alle tasse sui pacchetti di sigarette. Stimiamo una tassa che potrà essere fino a nove volte superiore di quelle vigenti sulle sigarette tradizionali”.

PRODOTTI AL VAPORE AUMENTEREBBERO DEL 53%

“La proposta di imposta sulla nicotina nel disegno di legge – espongono ancora – porterebbe a un aumento del prezzo netto dei prodotti a vapore al dettaglio di circa il 53 percentuale mentre, invece, il prezzo delle sigarette e degli altri prodotti del tabacco rimarrebbe invariato in quanto non sarebbero soggetti ad alcuna tassa federale aggiuntiva”.
Come definito nel progetto normativo, la tassa proposta sarebbe pari a circa 2,22 dollari sul prodotto a vapore a base di nicotina con sistema chiuso standard ed a 10,01 dollari su una bottiglia standard media da 60 millilitri di nicotina contenente e-liquid utilizzato in un dispositivo a vapore a sistema aperto.
Se dovesse passare, quindi, la tassa proposta – si stima – porterebbe ad una perdita di circa il 31,9 percentuale delle vendite di prodotti a vapore e di 3,7 milioni di millilitri di e-liquid consumati

ED IL CONTRABBANDO RINGRAZIA

Ma gli effetti collaterali di questo provvedimento non sarebbero solo di tipo strettamente economico ma, andando ad incidere sulle abitudini dei consumatori, determinerebbe un chiaro pregiudizio alla loro stessa sicurezza.
Molti svapatori, infatti – concludono gli autori dell’approfondimento – si rivolgerebbero, di conseguenza, al mercato del sommerso, del nero o, addirittura, provvederebbero a produrre da se gli e-liquid”.
Con tutte le pericolose conseguenze legate alla circolazione di liquidi privi di parametri di sicurezza.
La lezione Evali, in Usa, pare non essere servita a nulla.