Negli Usa bimbi svapano Thc: la verità choc

0
159
Negli Usa bimbi svapano Thc: la verità choc
Negli Usa bimbi svapano Thc: la verità choc

Negli Usa i bimbi svapano Thc. E’ questo il dato più allarmante che si ricava da una ricerca condotta dal National Youth Tobacco Survey e che ha preso in esame diverse fasce di età.

Dai dati ufficiali, per iniziare, emerge in modo chiaro il distorto uso che parte degli adolescenti Usa fa della sigaretta elettronica. Quest’ultimi, come risulta, sembrano usare in quantità importante la sigaretta elettronica per sballarsi. Per inalare sostanze illegali. L’Università del Michigan – come rivelano dall’American Vaping Association – ha pubblicato uno studio dal cui contenuto è emerso come gli studenti universitari statunitensi che fumino thc, attraverso il dispositivo elettronico, siano più che raddoppiati, in termini percentuale, passandosi dal 5,2% del 2017 al 10,9% del 2018. Numeracci.

La e-cig, quindi, come innocente tramite per buttare dentro il corpo sostanze pericolose per la salute. “Questo raddoppio nello svapo di marijuana tra gli studenti universitari – commentano dall’ “Ava” nel riferire le parole di John Schulenberg, ricercatore principale di Monitoring the Future Panel Study – è uno dei maggiori cui si assiste da quando lo studio è iniziato. Ovvero oltre 40 anni fa”. Numeri pazzeschi.

I DATI ALLARMANTI: THC ALLE ELEMENTARI

Ancor più allarmanti, però, sono quelli del “National Youth Tobacco Survey”. Secondo l’Istituto in questione, la percentuale di studenti di fascia di età compresa 6-12 anni (ebbene si, fascia anagrafica da scuola elementare) che hanno riferito di aver svapato thc sia lievitata dall’8,6% nel 2016 al 13,8% nel 2018. Altro che liquidi aromatizzati da proibire. In Usa pare esservi ben altra emergenza se è vero che troppi ragazzini della corrispondente nostra Elementare si facciano a Thc.

E’ questo l’allarme Usa. In Usa i ragazzetti che mettono ancora il grembiule già approcciano gli stupefacenti. In Usa quelli che son poco più che bimbi svapano il pericolosissimo Thc. Serve sensibilizzazione su questo aspetto. Ma in modo forte, tenace. Il tutto abbinato ad un controllo che sia ferreo, quasi militare. E si capisca, una volta per tutte, che la sigaretta elettronica in questa vicenda non c’azzecca nulla ma è solo il tramite innocente che è stato utilizzato per concedersi un po’ di allegria “chimica” nel cervello.

Leggi anche: Beatrice smonta il caso Usa “Colpa della marijuana”