Ministero neozelandese “Sigarette elettroniche molto meno dannose del fumo”

0
265
nuova-zelanda-ministero-salute-ecig-svapomagazine.
nuova-zelanda-ministero-salute-ecig-svapomagazine.

I prodotti per lo svapo sono destinati esclusivamente ai fumatori. Il Ministero della Salute neozelandese ribadisce un “concept” che, del resto, è pacificamente accettato dal mondo degli svapatori. Ovvero svapo come strumento per sottrarsi al vizio della sigaretta e non come “vezzo” cui deve iniziarsi chi fumatore non è. Una sigaretta elettronica, quindi, in un’accezione terapeutica con il valore aggiunto di aromi e piacere.

Una serie di “consigli sullo svapo” sono stati divulgati ufficialmente dal Ministero in questione in una sorta di vademecum che fa ordine nella materia e ben “orienta” i cittadini-consumatori. “Lo svapo non è privo di rischi ma è meno dannoso del fumo; I prodotti di svapo dovrebbero essere utilizzati solo dai fumatori che desiderano passare a prodotti meno dannosi; I prodotti di svapo espongono gli utenti a un minor numero di sostanze chimiche nocive rispetto al fumo di sigarette; Gli ex fumatori dovrebbero mirare a smettere di svapare quando sentono di non ricadere nel fumo; Acquistare prodotti di svapo da un rivenditore affidabile e non rischiare di svapare prodotti fatti in casa o illeciti; Non aggiungere altre sostanze al liquido di svapo”.

Queste le linee guida ribadite dagli esperti governativi che toccano anche l’aspetto della “prudenza” da osservare rispetto a liquidi non ufficiali e alla tendenza, che purtroppo non manca, di inventarsi piccoli chimici producendo liquidi da svapare in modo artigianale presso il proprio domicilio. “Bambini, giovani e non fumatori non devono svapare”, rimarcano dal Ministero a ricordare come tale strumento sia esclusivamente da considerarsi in un’ottica di minor danno.

“ELETTRONICA SIGNIFICATIVAMENTE MENO DANNOSA DEL FUMO”

Ovvero come stampella che può aiutare – ed i dati scientifici confortano in questa direzione – quanti vogliano sottrarsi al fumo. Nel Paese anglosassone, segnala ancora il Dipartimento della Salute, non si sono registrati casi di malattia polmonare (sul modello Usa) e, sempre come da precisazione governativa, si fa presente come lo svapo sia “significativamente meno dannoso del fumo”.