Liquidi senza autorizzazione, sequestro in Ciociaria

0
518

Oltre 75 litri di liquido per sigarette elettroniche, non accompagnati dalla necessaria autorizzazione, sono stati rinvenuti all’interno di una rivendita di Tabacchi di Cassino, Centro sito in provincia di Frosinone. Di conseguenza è scattato il sequestro del materiale, di provenienza Stati Uniti d’America, ad opera della Guardia di Finanza del gruppo di Cassino che stava operando nel contesto di un normale controllo. A darne notizia è Frosinone Today

Come evidenzia la testata on-line ciociara, le Fiamme Gialle, una volta all’interno della struttura sita nella zona centrale del paese, “hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro centinaia di flaconi di liquido da inalazione, così detto “svapabile”, privi del necessario codice identificativo univoco. Elemento che costituisce un requisito essenziale per la commercializzazione dei liquidi inalatori, in quanto ne attestano la genuinità e la legittima provenienza”. “In particolare – sottolinea ancora il giornale frusinate – l’assenza di tale codice sui prodotti da inalazione sequestrati comprova la loro origine illecita. E, quindi, l’avvenuto approvvigionamento attraverso canali paralleli, nonché il conseguente mancato pagamento dell’imposta. Infatti, analogamente alle tradizionali sigarette, anche quelle elettroniche sono sottoposte ad un’imposta sul consumo. Imposta che è in misura variabile a seconda che il liquido contenga o meno nicotina”.

ASSENZA DI AUTORIZZAZIONE AGENZIA DELLE DOGANE

Nel corso del controllo, si apprende ulteriormente, i finanzieri hanno inoltre accertato che l’attività di rivendita era esercitata senza la prescritta autorizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. E, quindi, in maniera illecita. 

Lo Stato Italiano impone, infatti, che i liquidi per sigaretta elettronica siano tracciati nonché oggetto di seriali controlli prima della loro immissione sul mercato. Ciò al fine di garantire la massima sicurezza è la massima tutela dei consumatori.

Nei guai, per concludere, il titolare del Tabacchi, originario della provincia di Caserta. Lo stesso è stato raggiunto dalla denuncia di contrabbando e di vendita di generi di Monopolio senza autorizzazione. Il materiale è stato sottoposto a sequestro dovendosi tentare ora di comprendere quale sia stato il percorso a ritroso. Un recente caso, con analoga azione di sequestro, si era avuto recentemente in Puglia