Le Filippine sposano la sigaretta elettronica: il plauso del Coehar

0

In meno di tre anni, le Filippine sono passate da un approccio restrittivo al fumo e allo svapo all’approvazione di una legge che riconosce il ruolo dei prodotti a basso rischio come una scelta che può aumentare le possibilità di smettere di fumare.
La decisione rappresenta un passo storico per chi è impegnato a ridurre il numero dei decessi per fumo nel continente asiatico: secondo le ultime statistiche, circa la metà dei fumatori maschi nel mondo vive in Asia, soprattutto in Cina, ma anche in India e Indonesia.
Solo nelle Filippine, le malattie legate al fumo causano la morte di circa 100.000 persone, dove 17,3 milioni di adulti consumano tabacco.

LA LETTERA DEI RICERCATORI

Tutti i 79 ricercatori del CoEHAR hanno espresso il loro sostegno alla decisione del Governo attraverso una lettera inviata al Presidente delle Filippine, in cui si legge “la riduzione del danno nel contesto del controllo del tabacco è uno strumento chiave per la prevenzione delle malattie. Esistono tumori prevenibili e decessi cardiopolmonari, a causa del sottoutilizzo delle strategie di riduzione del danno da tabacco”.
Grazie al disegno di legge VNP, le Filippine sono entrate a far parte della classifica dei Paesi più progressisti nel campo della riduzione del danno, come Inghilterra e Nuova Zelanda, paesi che hanno adottato strategie alternative per aiutare i fumatori che non riescono a smettere.
Di recente, la FDA ha autorizzato entrambi prodotti per sigarette elettroniche e prodotti a base di tabacco riscaldato come “appropriati per la protezione della salute pubblica”.
Come si legge nella lettera “la revisione della FDA statunitense ha considerato i rischi ei benefici per la popolazione. 
Ciò include il modo in cui i prodotti possono avere un impatto sull’uso giovanile di nicotina e tabacco e il potenziale per i prodotti di allontanare completamente i fumatori adulti dall’uso di sigarette combustibili”.

“RIFORMA LEGISLATIVA È UNA GRANDISSIMA OPPORTUNITÀ PER LA SALUTE PUBBLICA”

Una regolamentazione in materia è necessaria anche per prevenire l’uso giovanile: per quanto riguarda l’impatto dello svapo, questi prodotti devono essere regolamentati per ridurre al minimo il rischio, anche se minimo, come dichiarato da alcuni esperti della Society for Research on Nicotine and Tobacco, che hanno affermato che la grande maggioranza dei prodotti non a base di tabacco ‒ che utilizzano i giovani non svapa e, quindi, non è esposta alla nicotina e tra coloro che svapano, la maggior parte lo fa di rado; molti sono sperimentatori a breve termine.
Le prove dell’ultimo studio di CoEHAR hanno sottolineato il ruolo dello svapo non solo come strumento per smettere di fumare, ma anche per migliorare costantemente i sintomi respiratori, la qualità della vita e il tasso di esacerbazioni della malattia in pazienti con malattie specifiche.
Il progetto di legge VNP dovrebbe ridurre il numero di fumatori nel paese, ma soprattutto è un’incredibile opportunità di salute pubblica che sottolinea il potenziale dei prodotti di svapo per aiutare i fumatori adulti a smettere o ridurre i danni.

da Coehar