Landl “Nicotina, la guerra contro il nemico sbagliato”

0
0
murales su vela

“La guerra contro il nemico sbagliato”: è quella che, da decenni ormai, si sta combattendo contro la nicotina.
Nemico sbagliato perchè “la nicotina non è mai stata il problema”.
A sostenerlo è Micheal Landl, numero uno della World Vapers’ Alliance.
“I cosiddetti esperti, i media e i politici – ha proseguito l’attivista – hanno trovato un argomento semplice ed un capro espiatorio per un problema incredibilmente complesso. Con questo non sono riusciti a prevenire la morte di milioni di persone in tutto il mondo.
Ed un settimo della popolazione mondiale ancora fuma.

SVAPO STRUMENTO PIU’ EFFICACE PER SMETTERE

Nell’ultimo decennio, lo svapo è diventato lo strumento più efficace per smettere di fumare. Conserva la “familiarità” del rituale del fumo, ma senza il 95% dei danni del tabacco. Per molti è stato un trampolino di lancio da un’abitudine molto malsana a una vita senza sigarette. Per alcune persone, è uno dei cambiamenti più importanti nella loro vita.
Eppure lo svapo –
incalza Landl – è stato oggetto di un attacco costante da tutti i fronti. Nonostante i milioni di persone che non sono riuscite a smettere di fumare con i metodi tradizionali ma sono riusciti con lo svapo, sembra che Governi, politici e alcuni esperti di salute pubblica siano stati ingannati da un’idea assurda: poiché c’è nicotina nello svapo, dovrebbero essere trattati come le sigarette.

LA NICOTINA E’ PRESENTE ANCHE NELLE GOMME E NEI CEROTTI…

Ma la nicotina non è presente anche nelle gomme e nei cerotti? Eppure, questi sono prescritti e raccomandati come primo passo per smettere di fumare. E, come hanno dimostrato molti studi, sono i metodi che hanno maggiori probabilità di fallire.
Allora perché la nicotina dello svapo è considerata “diversa” rispetto a quella che è presente nelle gomme o nei cerotti?
Insieme al Consumer Choice Center abbiamo prodotto un documento sui sei principali miti da sfatare sulla nicotina, che motivano come la guerra contro di essa e contro lo svapo sia immotivata ed ignori la scienza.
Se vogliamo essere coerenti quando parliamo di nicotina
– la conclusione del numero uno della World Vapers’Alliance – dobbiamo trattare lo svapo con la stessa apertura che riserviamo alla terapia sostitutiva della nicotina o ai cerotti”