La Florida come la California: fumo e svapo vietati in spiaggia

0
9

Cose folli dal mondo.
In Florida, tanto per dirne una, è festa grande tra gli amministratori comunali di Panama City, località balneare di 12.000 anime nella Contea di Bay.
Ad esito di quello che è stato definito essere un articolato e combattuto percorso politico, infatti, il Consiglio comunale della cittadina americana è riuscito a cogliere quello già battezzato come “risultato storico”.
Ebbene si, a Panama City, infatti, è nata la prima spiaggia libera sia dal fumo sia dallo svapo della Florida.
E quando negli Usa, sia chiaro, si mette in qualche modo al bando la sigaretta elettronica, si grida sempre e comunque al successo.
Niente sigarette classiche, quindi, niente elettroniche.
Nulla di nulla.
Per una motivazione che è disarmante: le e-cig, secondo quanti hanno concepito il progetto di legge locale, farebbero male tal quale le bionde e, quindi, bisogna proteggere coloro i quali non sono fumatori dalle “esalazioni” passive.

PANAMA CITY SI PORTA AVANTI

Fumo e vapore che siano.
Una prospettiva che è totalmente estranea alle idee del minor danno, che mette sul medesimo piatto della bilancia il problema e quella che potrebbe essere la potenziale soluzione.
Anzi, considerando quella che noi sappiamo essere la potenziale soluzione come una parte integrante del problema tabagismo.
Ma non sorprende.
Gli Usa, tanto per dirne una, hanno al vaglio una legge federale che mira a introdurre il divieto di e-liquid aromatizzati in tutto il territorio dell’Unione, provvedimento già anticipato da diversi Governi territoriali.
Tornando a Panama City, ancora, è pure da sottolineare come la cittadina della Florida si sia lanciata in avanti nel fare approvazione di una norma che, a quanto pare, finirà per essere ratificata a breve dal Governo della Florida e che, quindi, renderà tutte le spiagge dello Stato, come quelle conosciutissime di Miami e Tampa, fumo e svapo free.
E la Florida non sarebbe neppure la prima, in ambito Usa, ad essersi mossa in tal senso.
In California, infatti, la misura su sigarette, vapore e spiagge è già vigore dal 2020.