Il polverone epidemia Usa e l’impatto sul cittadino medio

0
287

La sigaretta elettronica fa male. La sigaretta elettronica provoca tremende polmoniti. Hai visto cosa è successo negli Stati Uniti? Le bionde fanno venire il cancro, si, ma anche le e-cig non sono sicure. Hai letto che…? La disinformazione, la scarsa attenzione dei media nel (non) approfondimento delle notizie; E, ancora prima, una precisa politica “istituzionale” che mira a demonizzare la sigaretta elettronica e lo svapo in generale, vittime sacrificali sull’altare della tutela dei grandi interessi di case farmaceutiche e “bionde”.

Mesi di falsi allarmi, di casi pompati ad arte, mesi di titoli sbagliati hanno centrato il loro obiettivo: ovvero gettare fango, screditare il settore delle e-cig. E, soprattutto, penetrare nell’immaginario del cittadino medio. Che si ferma al titolone acchiappa-clic sui social e non ha la competenza tecnica per discernere fake e mezze verità. Diventando, a sua volta, cassa di risonanza e di propagazione.

L’intera vicenda e-cig è paradossale perchè il caso è originato dall’uso improprio fatto della sigaretta elettronica da alcune persone che, alla ricerca di sballo, hanno inserito nei dispositivi non i liquidi ufficiali reperibili nei negozi (che non hanno procurato, in dieci anni di “vita”, un solo morto in tutto il Pianeta) bensì porcherie acquistate sul mercato nero e non soggette a controllo alcuno. Porcherie che sono strettamente imparentate alla droga.

Nessuno ha detto, ad oggi, chiaramente che la sigaretta elettronica è stato solo il tramite utilizzato, al pari di una siringa, per assumere sostanze illegali. Ebbene, sulla base di questo “nulla” i grandi interessi sono riusciti a montare un caso mondiale. E tanti che avevano lasciato le sigarette classiche per approcciare lo svapo hanno fatto dietrofront: ma nessuno ha detto loro che le “bionde” macinano 7,1 milioni di morti all’anno in tutto il mondo (una ogni quattro secondi circa); nessuna ha detto loro, come prima accennato, che le “e-cig”, usate in modo proprio con liquidi autorizzati, non hanno mandato mai nessuno nel mondo dei più.

VITALE UNA ONESTA CONTROINFORMAZIONE ISTITUZIONALE

Serve una controinformazione seria, serve che le Istituzioni, i massimi livelli dei vari “settori” la supportino o se ne facciano esse stesse veicolo. Perchè le “elettroniche”, pur in mancanza di dati scientifici certi e definitivi, allo stato hanno dimostrato di essere per ampio distacco più sicure delle classiche; Perchè, ora come ora, questo polverone non sta facendo altro che ri-consegnare nelle braccia di un killer conclamato persone che, forse, avevano trovato una via di uscita da esso