Houston, misura estrema “In questa città non si svapa”

0

“Houston, abbiamo un problema”.
Questa volta il problema ce l’hanno gli svapatori della metropoli statunitense, 2,3 milioni di abitanti nel Texas e sede, appunto, dello Space Centre, centro visitatori del complesso per l’addestramento degli astronauti e il controllo di volo della Nasa.
Ebbene, anche da quelle parti si prepara una “stretta” sulla sigaretta elettronica.
Gli amministratori cittadini, infatti, stanno intervenendo a livello legislativo per estendere anche a narghilè ed e-cig le prescrizioni già in vigore sul fumo.

SARANNO ESTESE ALLO SVAPO LE LEGGI GIA’ VIGENTI SUL FUMO

A Houston, infatti, oltre a non potersi fumare nei luoghi di pubblico accesso al chiuso, non si può fare altrettanto neppure all’aperto quando ci si trovi a meno di otto metri di distanza da un qualsiasi edificio, pubblico o privato che sia.
A conti fatti, quindi, una importante limitazione che “costringe” quanti vogliono accendersi una sigaretta a farlo necessariamente in spazi ampi, ben lontani da case ed edifici vari.
Ebbene, quella regola, che era stata pensata e scritta prima dell’avvento sul mercato del vaping, verrà ora estesa alla categoria del vapore.
E non è un dato da poco.

IN ITALIA HA PIU’ ABITANTI DI HOUSTON LA SOLA ROMA

Basti pensare che Houston, infatti, con i suoi 2,3 milioni di abitanti, sia seconda, per demografia, facendo un paragone con la nostra Nazione, alla sola Capitale Roma: una grandissima città dove non si può fumare e, a breve, non si potrà neppure svapare.
Un divieto assoluto, generale che si somma ad altre misure restrittive pure in itinere negli Stati Uniti d’America dove, come noto, il Governo federale mira ad approvare una legge che renderebbe illegittima la vendita di e-liquid aromatizzati, lasciando in commercio esclusivamente quelli a base di tabacco.
Una misura che è già stata anticipata da varie realtà locali, come San Francisco, che hanno agito da tempo in questa direzione.
Sebbene con risultati che tutto sono tranne che efficaci se l’obiettivo era quello di abbattere i tassi di fumatori.