Filippine, nove fumatori su dieci favorevoli alla sigaretta elettronica

0

Nove fumatori su dieci sono favorevoli, nelle Filippine, alla riduzione del danno.
Questo quanto emerge dai risultati di approfondimento condotto da Acorn Marketing & Research Consultants e commissionato dal gruppo di difesa dei consumatori “Vapers Ph”.
Nove filippini su dieci, quindi, sarebbero favorevoli a politiche di contrasto al fumo che avessero, quali loro perno, la promozione di alternative maggiormente sicure.
“La maggior parte delle persone intervistate – fanno presente da Acorn – ha una percezione positiva della riduzione del danno e prenderebbe in considerazione il passaggio a sigarette elettroniche o a prodotti a base di tabacco riscaldato e vorrebbe avere un maggiore accesso a informazioni accurate su questi prodotti”.

“GOVERNO DOVREBBE METTERE IN ATTO POLITICHE CHE AIUTINO I FUMATORI”

In particolare, quest’ultimo aspetto risulta essere meritevole di considerazione: le persone chiedono di avere accesso ad informazioni, di poter essere consapevoli dei danni fumo-correlati e, soprattutto, dei vantaggi-svantaggi insiti nella sigaretta elettronica.
Ciò al fine di poter porre in essere una scelta che sia quanto più corretta.
Quanto agli elementi del sondaggio, i dati raccolti hanno indicato come circa il 70% dei 2.000 intervistati ritenga che le e-cig e gli Htp, in generale, siano soluzioni più sicure rispetto alle sigarette ed, inoltre, come il 94 percentuale ritenga “che il Governo locale dovrebbe mettere in atto politiche che incoraggino i fumatori a passare a opzioni meno dannose alle bionde, attuando allo stesso tempo misure rigorose che assicurino che i prodotti non siano accessibili ai minori”.

DATOR “CI AUGURIAMO CHE I SENATORI CI ASCOLTINO”

“I risultati di questo sondaggio giungono in un momento cruciale in cui il Senato sta deliberando sullo specifico disegno di legge – così, invece, Peter Paul Dator, Presidente di Vapers Ph – Ci auguriamo che i nostri senatori ascoltino la voce dei fumatori e degli svapatori filippini allorquando invitano loro a fare approvazione di un disegno di legge che potrà incoraggiare i fumatori a passare ad alternative meno dannose delle sigarette”.