Eurodeputato italiano manifesta per la sigaretta elettronica a Bruxelles

0

“Siamo tutti d’accordo sul fatto che non fumare sia la scelta migliore, ma sappiamo anche molto bene che aumenti e limitazioni delle tasse non sono soluzioni che funzionano.
Credo fermamente che i sistemi alternativi al fumo tradizionale siano il più grande strumento per ridurre notevolmente la percentuale di malattie polmonari e di cancro! Qualsiasi approccio ideologico contro tali sistemi è negativo e contro qualsiasi dato scientifico”.

Sono le parole di Pietro Fiocchi, dal 2019 eurodeputato eletto tra le fila di Fratelli d’Italia.
Convinto sostenitore della causa del minor danno, l’onorevole nostrano – ex presidente e membro del Consiglio d’Amministrazione di Fiocchi of America Inc. – ha “sfilato” a Bruxelles nel contesto della manifestazione pacifica promossa dalla World Vaper’s Alliance, il sodalizio internazionale che fa capo alla figura di Micheal Landl.

TERZA USCITA DELLA CAMPAGNA “FLAVOURS MATTER”

Dopo quelle di Stoccolma e dell’Aia, l’uscita di Bruxelles è la terza della serie della campagna europea #FlavoursMatter, momento promosso dalla Wva proprio nell’ottica di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza degli e-liquid aromatizzati nell’ottica di un discorso di smoking cessation.
I sapori – ha osservato Landl – svolgono un ruolo cruciale nell’aiutare i consumatori a smettere di fumare: milioni di europei hanno già smesso passando allo svapo.
La varietà di gusti è uno dei motivi più importanti per cui molte persone passano alle sigarette elettroniche e non tornano mai più a fumare.
Abbiamo già visto che lo svapo funziona!
Ha aiutato milioni di persone a cambiare la propria vita e ora –
insiste il giovane attivista – abbiamo bisogno di politiche per recuperare il ritardo.

LA SODDISFAZIONE DI LANDL

Pertanto – riferendosi, appunto, alla partecipazione di Fiocchi – siamo lieti che alcuni eurodeputati siano con noi e aiutino a difendere i sapori dello svapo.
Dobbiamo alzare la voce e parlare ai responsabili politici di tutti gli effetti positivi che i sapori giocano nell’aiutare i fumatori a smettere.
I dati mostrano che gli adulti che svapano sigarette elettroniche aromatizzate hanno il 230% in più di probabilità di smettere di fumare rispetto a quelli che usano sigarette elettroniche non aromatizzate e dobbiamo assicurarci che questo venga preso in considerazione quando verranno redatte le prossime normative.
Ecco perché –
la conclusione – siamo qui a Bruxelles con un semplice messaggio: i sapori contano!”