Ethra stronca il rapporto Scheer “Siamo molto delusi”

0

La nota ufficiale dell’European Tobacco Harm Reduction Advocates ad una manciata di giorni dalla diffusione del rapporto stilato dal Comitato scientifico europeo per la Commissione Ue

Il 29 Aprile, il comitato scientifico per la salute, l’ambiente e i rischi emergenti (Scheer) ha pubblicato il suo parere finale sulle sigarette elettroniche.
Il parere preliminare, pubblicato nel Settembre 2020, aveva attirato critiche significative e 691 contributi alla consultazione pubblica.
Speravamo che la Commissione Scheer avesse ascoltato e che il parere finale tenesse conto delle nostre osservazioni, ma ci troviamo molto delusi!
Riteniamo che molti dei problemi evidenziati durante la consultazione pubblica sul parere preliminare non siano stati adeguatamente affrontati o affrontati nella relazione finale.
Importanti dati dell’Ue sono stati ignorati, i potenziali danni sono stati esagerati e c’è un’enfasi eccessiva sull’iniziazione dei giovani, mentre l’impatto dello svapo sulla cessazione del fumo degli adulti è praticamente ignorato.
Nonostante fosse ben noto che lo svapo è utilizzato come sostituto del fumo, la richiesta della Commissione per il parere scientifico (il mandato) non aveva chiesto allo Scheer di confrontare lo svapo con il fumo.
Questo è menzionato nel rapporto, a pagina 10 <<È stato chiesto allo Scheer di concentrarsi solo sugli impatti sulla salute rispetto al non fumo>>.
Riteniamo che questo fallimento del mandato sia il difetto fatale del parere ed è responsabile di molte delle carenze della relazione.
L’esposizione a sostanze chimiche nocive è di ordini di grandezza inferiore durante lo svapo rispetto al fumo, e questo è ciò che avrebbe dovuto essere esaminato.
Ci sono solo piccole differenze tra il parere preliminare e quello finale.
I rischi di effetti sistemici a lungo termine sul sistema cardiovascolare sono stati declassati da forti a moderati.
I rischi di danni irritativi locali alle vie respiratorie sono rimasti moderati.
I rischi di cancerogenicità delle vie respiratorie sono rimasti da deboli a moderati.
Non è stato possibile stabilire i rischi di altri effetti avversi sulla salute a lungo termine come malattie polmonari, Snc ed effetti tossici per la riproduzione a causa della mancanza di dati.
Per quanto riguarda il ruolo delle sigarette elettroniche nella cessazione del fumo, lo Scheer ha concluso che le prove erano deboli.
Questa conclusione è contraria all’evidenza dei sondaggi nazionali, dei dati osservazionali, degli studi di controllo randomizzati e dell’esperienza vissuta di milioni di svapatori in tutta Europa.

“EMERGE UNA DIVISIONE DISTORTA ANCHE SUL RUOLO DEI SAPORI”

L’Eurobarometro 2020 ha rilevato che la percentuale di vapers che passano completamente dal fumo allo svapo è aumentata di un enorme 121%.
La revisione Cochrane più recente, una meta-analisi di oltre 50 studi, ha concluso che lo svapo era il 70% più efficace della terapia sostitutiva della nicotina (NRT), l’aggiornamento delle prove di Public Health England 2021 ha anche scoperto che lo svapo era più efficace della Nrt.
Le prove di un effetto gateway sono state abbassate da forte a moderato.
Tuttavia, la maggior parte dei dati utilizzati per il rapporto proviene dagli Stati Uniti.
Nonostante la questione dell’uso inappropriato dei dati statunitensi sollevata durante la consultazione pubblica, e la pagina 7 del parere che avverte che “le conclusioni tratte per gli Stati Uniti potrebbero non essere direttamente trasferibili all’Ue”, è comunque inclusa nel parere finale.
È anche importante notare che non ci sono prove di un effetto gateway negli Stati Uniti stessi, poiché il fumo giovanile è ai minimi storici.
I dati pertinenti dell’Ue mostrano che lo svapo qui è quasi esclusivamente tra ex fumatori o fumatori attuali: Eurobarometro 2020 mostra che il 98% degli attuali svapatori erano i fumatori per primi.
Nel Regno Unito, Action on Smoking and Health (ASH) lo rileva”Solo lo 0,3% dei non fumatori sono vapers attuali”.
Si parla da anni di un effetto gateway, eppure i tassi di fumo continuano a diminuire, non è ora di mettere a tacere il mito?
Si è concluso che i sapori giocano un ruolo importante nell’iniziazione giovanile.
Poiché l’attenzione era quasi interamente sull’attrattiva per l’iniziazione, l’importanza dei sapori per gli adulti era poco più che un ripensamento.
Questa visione distorta del ruolo dei sapori potrebbe portare a restrizioni o divieti, come suggerito a pagina 69, che sarebbero disastrosi per i consumatori.
Nella nostra presentazione alla consultazione pubblica, abbiamo fornito la prova che i sapori svolgono un ruolo vitale per gli adulti nel rimanere liberi dal fumo e che gli adulti migrano comunemente dal tabacco alla frutta e ai sapori dolci. È di fondamentale importanza che il ruolo dei sapori negli adulti che smettono di fumare sia studiato a fondo.       

“IGNORATA MONTAGNA DI PROVE SU RIDUZIONE DEL DANNO”

Durante la consultazione pubblica scienziati, esperti e consumatori hanno presentato montagne di prove a sostegno dello svapo come strumento di riduzione del danno.
La maggior parte di questo sembra essere stata ignorata. 

Il risultato è che lo Scheer ha prodotto un documento di scarsa utilità per i responsabili politici.
La valutazione del rischio non confronta i rischi relativi con il fumo, la valutazione dell’efficacia per smettere di fumare ignora i dati vitali dell’Ue e la discussione sui sapori manca di qualsiasi parvenza di equilibrio trascurando di considerare l’importanza dei sapori per gli adulti.
Se il parere informa la politica, come si intende fare, i vapers e i fumatori saranno le vittime della continua demonizzazione dei prodotti a base di nicotina più sicuri.
Gli sforzi di advocacy devono ora essere raddoppiati al fine di istruire i politici e i responsabili delle politiche”