Divieto di fumo all’esterno di bar e pub? I Ministri inglesi dicono no

0
4

Prevedere un divieto di fumo all’esterno di bar, pub e ristoranti rappresenterebbe un grave danno economico per tali attività.
Sulla base di questo ragionamento, diversi Ministri del Governo Blair hanno bocciato una particolare proposta “no smoking” che era venuta da Sajid Javid, Segretario alla Salute del Regno Unito.
Quest’ultimo, in particolare, aveva sottoposto alla valutazione del Governo inglese una proposta normativa avente ad oggetto, appunto, l’introduzione del divieto di fumo all’esterno di ritrovi enogastronomici.

LA PROPOSTA DI JAVID

Pratica molto diffusa, infatti, come da facile constatazione, è quella di concedersi, tra una bevuta e l’altra, tra una portata e l’altra, una pausa sigaretta nell’immediato esterno di tali esercizi.
E si pensi come la concezione del “pub”, nello stile di vita inglese, sia un qualcosa di estremamente consolidato: molto più che in Italia, infatti, queste tipologie di strutture sono un riferimento praticamente costante e fisso nel quotidiano degli inglesi che, dopo il lavoro, prima di rientrare a casa, amano concedersi una lunga tappa all’insegna di spuntini e alcolici.
Da questi ambienti alla sigaretta, il passo è comprensibilmente breve.
Per questo, Javid aveva concepito l’idea di battezzare il divieto di fumo nelle aree immediatamente adiacenti a siffatti esercizi “sensibili” tanto da denominare tale norma, in una sua traduzione letterale, come “Divieto di marciapiede”.

C’E’ CHI DICE NO

Ma i Ministri hanno detto no.
Vietare le sigarette nelle prossimità di pub e ristoranti – hanno spiegato alla stampa – è cosa del tutto ingiustificata e sensata dal momento che non ci sono prove che fumare open air rappresenti un rischio significativo per coloro i quali non sono fumatori. Ciò di cui l’industria della ricettività non ha proprio bisogno, proprio ora che tenta di risollevarsi dalla pandemia, sono ulteriori normative che potrebbero dissuadere i clienti dal tornare in tali locali”.
Nulla di fatto, quindi.
La sigaretta, in questo caso, non si tocca.
Più forti sono le ragioni dell’economia.