Digitalizzazione rendicontazioni prodotti liquidi da inalazione, la nota di Adm

0
9

“Si comunica che a, seguito delle Determinazioni direttoriali del 29 Ottobre 2021 numero 403922 e numero 403919 concernenti le procedure informatiche per la trasmissione dei dati contabili relativi alle immissioni in consumo e all’imposta di consumo dovuta, rispettivamente, per i prodotti liquidi da inalazione e per i prodotti accessori ai tabacchi da fumo, i soggetti autorizzati alla commercializzazione dei suddetti prodotti sono tenuti a procedere – a partire dall’anno contabile 2022, ovvero dalla prima quindicina del mese di Gennaio 2022 – alla trasmissione dei prospetti di rendicontazione tramite il sistema di acquisizione automatizzata dei flussi contabili disponibile sul sito dell’Agenzia in area riservata – portale dedicato PLI-PAT”.

“NUOVA MODALITA’ PER MAGGIORE SICUREZZA”

Questo l’incipit di apposito comunicato stampa diramato attraverso i rispettivi canali web istituzionali dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.
“Questa nuova modalità di trasmissione dati attraverso il Portale PLI-PAT – prosegue il messaggio dell’Agenzia fiscale – consentirà una maggiore sicurezza per il controllo dei dati inviati, nonché la possibilità per gli operatori di versare gli importi dovuti in modo più rapido e diretto anche – ma conclusione della nota – tramite la piattaforma pagoPA”.
Il comunicato stampa odierno segue avviso che era già stato pubblicato dalla stessa Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, sempre per il tramite del portale istituzionale, alla sezione avvisi, in data 20 Dicembre 2021.

IMPORTI DOVUTI PAGABILI ANCHE ATTRAVERSO PAGOPA

Nel contesto di quel comunicato si era precisato anche come “qualora la trasmissione dei suddetti prospetti riepilogativi non avvenga con le modalità e nei termini stabiliti, saranno adottati i provvedimenti sanzionatori previsti dalla normativa vigente”.
Si tratta, quanto sopra descritto, dell’ennesimo adeguamento cui sono chiamati gli operatori del settore: un adeguamento che chiama in causa una platea alquanto estesa andando ad interessare, in sostanza, tutti quanti “i soggetti autorizzati alla commercializzazione“.