Di Donato, Svapoweb Store Anzio “Non vendiamo solo oggetti ma facciamo consulenza”

0

“Il nostro è un ruolo delicato, importante. Oltre ad essere titolari di un’attività commerciale, siamo anche e soprattutto dei veri e propri consulenti”.
Fa centro Domenico Di Donato.
Analisi perfetta, compattata in poche parole, che potrebbe rappresentare slogan per un intero settore.
Trent’anni, Di Donato è il titolare dello Svapoweb Store di Anzio.
Un’avventura avviata un anno e mezzo or sono, quasi agli albori del percorso del franchising Svapoweb.
Già “fortificato” e formato da precedenti esperienze imprenditoriali nell’ambito del food, il giovane imprenditore ha voluto investire in un settore, quale quello del vaping, intuendone le potenzialità di sviluppo.

“IL NOSTRO COMPITO E’ QUELLO DI SUPPORTARE E CONSIGLIARE”

Con un approccio assolutamente appropriato “Avevo spesso constatato come diversi negozi di sigarette elettroniche nei quali mi ero imbattuto non facessero altro che vendere oggetti.
Nel momento in cui ho deciso di avviare il percorso con un mio store, invece, mi sono dato, ci siamo dati da subito una filosofia: abbiamo deciso di fare consulenza, di porci accanto al cliente che ci sottopone un problema, quello del fumo, chiedendoci di aiutarlo a trovare una soluzione in termini di smoking cessation.
Il nostro compito è quello di supportare, di suggerire la strategia migliore, eventualmente di aggiustarla e migliorarla in corso, trovando l’equilibrio e la ricetta migliori”.

La storia del titolare dello Svapoweb Store Anzio è quella di uno che la sensibilità della dipendenza dal fumo l’ha maturata sulla sua pelle
Dai 15 fino a, circa, i 23-24 sono stato un fumatore.
Poi ho conosciuto la sigaretta elettronica e, nell’arco di due anni, sono riuscito completamente a smettere”.
Quanto alla tipologia della clientela, abbondano ovviamente, oltre ai clienti consolidati, quelli che si affacciano per le prime volte nello store alla ricerca, appunto, di una soluzione al tabagismo.

TRA I CLIENTI UNA 90ENNE CHE VUOLE DIRE ADDIO ALLE SIGARETTE

“Con mio stupore arrivano anche persone di una certa età – sottolinea Di Donato –
L’altro giorno è entrata una persona, di più di 90 anni, che, fumatrice, aveva avuto un recente episodio cardiaco e voleva smettere.
Le ho dato primi consigli, le ho lasciato il mio recapito personale.
Ora mi chiama e mi chiede costantemente consigli e indicazioni che io do con vero piacere”.

In generale, l’approccio che il giovane Domenico consiglia ai suoi clienti è quello di un impatto iniziale con la nicotina che non sia eccessivamente alto “Solitamente tendo a non esagerare in partenza – ci confida – In base al tipo di fumatore e all’hardware, iniziamo con un valore tra nove e dodici”.
Una riflessione anche sul corrente momento “fiscale”, alla luce del quarto sali-scendi avutosi nell’ultimo anno e mezzo
“Non è tanto l’aumento che preoccupa, meglio dirsi non solo questo.
Piuttosto, quella che si chiede è una opportuna stabilità”.