Dal Parlamento inglese la protesta “Riduzione danno, Oms miope”

0

L’approccio alle alternative al fumo da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità è “miope e obsoleto”.
Il “British All-Party Parliamentary Group on Vaping” torna alla carica e lancia siluri all’indirizzo dell’Oms e delle sue vetuste politiche sanitarie.
L’ostinazione a non inserire la riduzione del danno nelle strategie anti-fumo rappresenta, osservano ancora i parlamentari del partito inglese, la spia di un atteggiamento e di una strategia che appartengono ad un trapassato remoto.

LA CONVENZIONE SCRITTA NEL 2003

A proposito di passato e di inadeguatezze, in particolare, va osservato come la Convenzione quadro dell’Organizzazione mondiale della Sanità sul controllo del tabacco (nota anche con l’acronimo di FCTC) sia stata istituita per la prima volta nel 2003 e, da allora, non sia mai stata modificata.
Le strategie anti-tabacco, quindi, si sviluppano con modelli e modalità che sono state scritte in un’epoca in cui le sigarette elettroniche non vivevano nella pratica del quotidiano.
Un pò come se, oggi, fosse in vigore un Codice della Strada scritto nel 1800, allorquando per strada circolavano solo muli e carretti, e, in quanto tale, “ignaro” dell’esistenza delle automobili.
L’esigenza, quindi, è anche quello di un ammodernamento, di una attualizzazione delle strategie; E’ ovvio, però, che vi deve essere una volontà politica, per così dire, da parte dell’Oms di “aprire” alle strategie del minor danno.

LA PROPOSTA DI SOSPENDERE I FINANZIAMENTI

Una volontà che, ad oggi, è veramente lungi dall’intravedersi.
I parlamentari in questione hanno rinnovato, intanto, l’invito al Governo inglese a sospendere ogni forma di finanziamento all’Oms “a meno che tale Istituzione non smetta di agire con ostilità nei confronti dello svapo”.
Non si tratta di una forma di ricatto, hanno anche precisato dal “British All-Party Parliamentary Group on Vaping”, ma di una forma di protesa che sicuramente sarà capace di “attirare” le attenzioni sul Governo inglese da parte dell’Organizzazione in questione.
Intanto, il modello inglese in quanto a lotta al tabagismo continua, sempre più, ad ergersi come riferimento ed esempio virtuoso.