“Con la sigaretta elettronica possiamo salvare oltre 100.000 persone”

0
5

La sigaretta elettronica potrebbe arrivare a salvare la vita di 104.000 persone nella sola Australia.
Da ora al 2080.
Questo potrebbe avvenire se lo Stato dell’Oceania allentasse la morsa normativa ad oggi stretta sul settore del vaping.
Sono queste le conclusioni – parola più, parola meno – cui è approdato un approfondimento condotto da un team di ricercatori formato da Coral Gartner, dal professor Ron Borland e da una cordata di ricercatori statunitensi guidati dal professor David Levy.
Se lo svapo rappresenta il 5% del rischio a lungo termine del fumo stimato dal Royal College of Physicians del Regno Unito, 104.000 vite australiane saranno salvate entro il 2080 e saranno risparmiati oltre 2 milioni di anni di vita persa”: questo un estratto delle conclusioni del lavoro come pubblicato su “Nicotine and Tobacco Research”.
Conclusioni che sono state prontamente commentate da Colin Mendelsohn, tra i massimi esperti di lotta al tabagismo nel continente.

ULTERIORI MARGINI DI CRESCITA

L’impatto benefico – ha spiegato questi – potrebbe essere ancora maggiore se il Governo australiano, le organizzazioni sanitarie e mediche supportassero e incoraggiassero lo svapo, così come fanno nel Regno Unito ed in Nuova Zelanda.
È probabile che anche i miglioramenti nella tecnologia dello svapo possano rendano la sigaretta elettronica dagli effetti più efficaci”.

Mendelsohn ritiene, tuttavia, che il discorso anti-tabagismo dovrebbe essere ulteriormente articolato
“Oltre allo svapo, sono necessarie ulteriori politiche di controllo del tabacco per raggiungere l’obiettivo – ha annotato al riguardo – Queste potrebbero includere campagne sui mass media, la riduzione della nicotina nelle sigarette a livelli che non creano dipendenza, la riduzione del numero di punti vendita al dettaglio che vendono sigarette e la fornitura di ulteriori servizi per smettere di fumare”.
“Le normative obsolete dell’Australia devono cambiare urgentemente
– ha tuonato in conclusione l’esperto – Le prove a favore dello svapo sono ora convincenti e la modellazione indica che un facile accesso alle alternative potrebbe salvare la salute di un numero considerevole di fumatori. Cosa stiamo aspettando?”