Campagna (Liaf) “Sigaretta elettronica può aiutare a cambiare stile di vita”

0
foto di dire.it
foto di dire.it

“Arte e fumo di sigaretta sono da sempre, purtroppo un binomio mal sposato ma un divorzio civile è ancora possibile La soluzione è utilizzare il potere incisivo e multiculturale dell’arte per veicolare un messaggio positivo antifumo: la bionda non rappresenta più nessun simbolo di stile”.
Così il presidente della Lega italiana antifumo, Ezio Campagna, nel contesto di una dichiarazione rilasciata a dire.it.
Campagna, nel suo ruolo di vertice Liaf, ha commentato a margine della mostra di arte contemporanea che, nella giornata odierna, ha il suo taglio del nastro a “Fondamenta gallery”, area espositiva di “Inside Art” sita in zona Monti Tiburtini, a Roma.
“The cigarette is over” l’intitolazione del momento espositivo che ha avuto quali protagonisti gli artisti di Rome University of Fine Arts che si sono ispirati al motivo della fine della sigaretta.
Ebbene si, la fine della sigaretta.

LA SIGARETTA DA QUASI VALORE A DISVALORE…

Una parabola da quasi valore a disvalore, concetto molto bene espresso da Alessandro Caruso di Inside Art.
“Un titolo che può sembrare provocatorio – ha fatto presente il medesimo a dire.it – ma forse neanche troppo.
La mostra vuole raccontare proprio questo cambiamento fenomenologico dell’oggetto sigaretta. Fino a pochi anni fa era simbolo di valori quasi positivi; sinonimo di eleganza, di virilità, emancipazione, ribellione.
Compagna fedele di generazioni di artisti, musicisti e poeti. Ultimamente invece si è ribaltato il mondo da questo punto di vista, perché la sigaretta è diventata un ricettacolo di anti-valori, antisocialità e sporcizia, fisica e ambientale”.

E gli espositori sono stati, come al solito, innovativi e sorprendenti nell’esprimere, nei vari elaborati, questo mutamento.

“E’ IL FUTURO DELLA COMUNICAZIONE ANTIFUMO”

Quanto a Campagna, il Presidente Liaf ha anche espresso la necessità di “utilizzare l’arte e le occasioni di ritrovo pubblico per invitare i fumatori a smettere definitivamente e per lanciare ai ragazzi il messaggio che provare a iniziare è assolutamente sbagliato.
Sappiamo anche, come detto più volte, che per chi non riesce a smettere di fumare da solo, il passaggio alle sigarette elettroniche è una soluzione a rischio ridotto che può aiutare a cambiare stile di vita.
Eventi come quello di oggi
– ha quindi chiuso Campagna – rappresentano il futuro della comunicazione antifumo ed è su questa strada che continueremo a lavorare”.