Brasile, una legge per vietare riscaldato ed elettronica

0

“Vietare la produzione, l’importazione, la vendita e la pubblicità dei dispositivi elettronici per fumare, che comprendono le sigarette elettroniche e i prodotti del tabacco riscaldati, nonché i loro accessori e ricariche”.
Brasile shock.
È questa la sostanza di un progetto di legge attualmente all’esame della Camera dei Deputati, ovvero la Camera bassa del Congresso nazionale brasiliano.
È un provvedimento senz’altro estremo quello che cova in una frangia della politica carioca: il disegno normativo, infatti, nel momento in cui riuscisse ad approdare ad una definitiva approvazione, metterebbe praticamente al bando l’intero settore delle alternative al tabacco classico.
Lasciando a quest’ultimo strada libera per continuare a produrre danni su danni a carico della salute pubblica – i fumatori, circa 25 milioni, rappresentano in Brasile circa il 12 percentuale della popolazione generale.
La proposta di legge, proseguendo, è stata concepita dal membro del Congresso Eduardo Costa del Partito laburista, ala che siede alla minoranza governativa.
A distanza di circa sei mesi dalla presentazione della proposta e, quindi, dall’avvio del relativo iter, il disegno di legge è stato, il mese scorso, calendarizzato dalla Commissione per l’Economia, l’Industria, il Commercio ed i Servizi ai fini di una preliminare discussione.

MERCATO DEGLI ADULTI VERREBBE TOTALMENTE SGOMBERATO DALLE ALTERNATIVE

Il progetto, in linea con il già vigente Child and Adolescent Act, che disciplina penalmente la vendita di alcol e droghe, prevede anche disposizioni per quel che riguarda la vendita del tabacco.
Chiunque, in particolare, verrà sorpreso a vendere prodotti al tabacco ai minori di 18 anni sarà condannato a scontare, qualora riconosciuto colpevole, una pena detentiva variabile da due a quattro anni.
Ovviamente, al di la di quest’ultima disposizione, il “cuore” della proposta normativa vive nel “ban” totale che potrebbe realizzarsi in caso vedesse l’alba la proposta di legge di Costa: nonostante vengano profusi sforzi anche in chiave di contrasto al fumo dei minori, il mercato degli adulti verrebbe, infatti, totalmente sgomberato dalle alternative.
Un assist formidabile, degno del miglior numero dieci, alle ragioni ed agli interessi del tabacco.
Con conseguenze che sarebbero tanto immaginabili quanto devastanti.