Aromi non al tabacco, in Michigan saranno tutti illegali

0
116

Incredibile ma vero. Il Michigan, Stato Usa, vieta la vendita di aromi per sigaretta elettronica che siano diversi dal tabacco. La decisione è stata assunta dal Governatore Gretchen Whitmer. La prescrizione, che diventerà effettiva in 30 giorni, si rivolge sia ai venditori on line che ai negozi in carne ed ossa. Perchè questo divieto? Per la Whitmer la priorità a fondamento della decisione sarebbe quella di tutelare i giovani e giovanissimi “proteggendoli” dalla sigaretta elettronica. Ciò perchè si ritiene che i gusti “alternativi” a quelli del tabacco possano essere un incentivo per gli adolescenti ad abbracciare il vaping.

Vero? Falso? Di sicuro, più volte giornali di settore hanno fatto presente come questa varietà di gusti sia uno dei punti forti nel sottrarre persone al vizio del tabacco. Della sigaretta vera e propria, quella che miete cancri e vittime.

In questo momento, quindi, in Michigan non stanno facendo altro che fornire un grande assist, degno di un vero numero 10, ai progetti del fumo “classico”. Una decisione che va in direzione assolutamente contraria a qualsiasi regola del buon senso e/o a qualsiasi evidenza scientifica.

In un ragionamento di buon senso, infatti, bisognerebbe far valere sempre il principio dei minor danno: ovvero le “elettroniche” fanno meno male (molto, molto e ancora molto meno male) delle sigarette vere e proprie. Ogni persona strappata al fumo e conquistata allo “svapo”, quindi, è un gran risultato in termini di salute pubblica. Che, poi, se un non-fumatore viene attratto dalle e-cig e si “inizi” con esse, ebbene, questo è un rischio che deve essere accettato. Sempre ricordando come la tossicità della elettronica sia ancora oggetto di studio e dibattito in sede scientifica. Quello del Michigan, in ogni caso, pare essere un errore madornale anche perchè potrebbe aprire le strade al mercato del clandestino. Dove gli “aficionados” degli aromi potrebbero andarsi a tuffare in mancanza di una scelta adeguata sui canali ufficiali. Ed i quasi 200 ricoverati in Usa a causa di malattie polmonari sono la prova di quanto siano rischiose da percorrere le strade dell’illegale e del fai-da-te