Ancora introduzione abusiva di sigarette: nuovo sequestro ad Ancona

0

Nell’ambito dei controlli sui passeggeri in transito presso il porto di Ancona, i funzionari della locale Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno intercettato e sequestrato circa due chilogrammi di sigarette non dichiarate, rinvenute all’interno di un autobus sbarcato dalla motonave proveniente dall’Albania e, in particolare, da Durazzo.
Le sigarette, del peso complessivo di 1.900 grammi, pari a 160 pacchetti, erano nascoste alla rinfusa all’interno del bagaglio di un cittadino albanese.
Trattandosi dell’introduzione non dichiarata nel territorio nazionale di Tabacchi Lavorati Esteri per una quantità inferiore a 10 chilogrammi, si è proceduto, in base al comma 2, dell’articolo 291 bis del Decreto Presidente della Repubblica 43/1973, modificato dal Decreto legislativo 8/2016, a comminare una
sanzione amministrativa pari a euro 5,16 per ogni grammo convenzionale di TLE detenuto, per un totale di 9.804 euro.

CITTADINO IN ENTRATA DA ALBANIA

Il monitoraggio delle merci negli spazi doganali dello scalo dorico, effettuato da funzionari Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, conduce al controllo di mezzi sulla base della sospetta introduzione di prodotti non conformi alle normative vigenti o comunque non dichiarati.
Lo sforzo operativo nel contrastare il contrabbando nelle sue diverse forme è finalizzato soprattutto a interrompere la filiera delle merci illecitamente introdotte sul territorio nazionale, attraverso l’attento presidio di porti e aeroporti nonché, nei casi più gravi, attraverso l’attuazione di indagini di Polizia giudiziaria.
Massima attenzione da parte dell’Agenzia fiscale rispetto all’ingresso non conforme alle norme di tabacchi lavorati.

RECENTE PRECEDENTE A PISA

Solo qualche giorno addietro avevamo dato notizia, casa verso le colonne di Svapo Magazine, di un simile episodio.
In quella circostanza, il sequestro era venuto presso lo scalo aeroportuale di Pisa ancora una volta a carico di un cittadino in ingresso sul territorio italiano dall’Albania.
In quella circostanza era stato rinvenuto nel suo bagaglio a mano 2,250 chilogrammi di tabacco sfuso, di cui quattro confezioni dal peso di 500 grammi ed una confezione da 250 grammi.