Aerei e sigarette elettroniche, le regole delle singole compagnie

0
55

Coloro i quali sono avvezzi ad aerei, partenze ed arrivi, probabilmente, già masticano come pane quotidiano le seguenti informazioni.
Quanti, invece, svapatori, sono un pò profani in fatto di decolli e di atterraggi, si pongono legittimamente la domanda: posso portare la sigaretta elettronica in aereo?
Se si, con che modalità?
Esistono differenze tra una compagnia e l’altra?
Cerchiamo di analizzare i Regolamenti delle singole compagnie aree che svolazzano sull’Italia con una premessa comune: se pensate di poter svapare in aereo, durante il volo, avete sbagliato pianeta.
Concedersi qualche colpo di vapore (come anche di fumo) è, infatti, assolutamente vietato: se lo fate rischierete di mettervi in un guaiaccio di quelli brutti-brutti oltre a pregiudicare, in qualche modo, la sicurezza del volo stesso.

SIGARETTE ELETTRONICHE MAI NELLA STIVA

Nei rari casi qualche avventuriero ha avuto la folle idea di svapare o fumare (che è la stessa cosa) durante il viaggio, si è beccato tanto di denuncia e ammenda.
Nonchè le maledizioni dei compagni di viaggio dal momento che, in queste circostanze, per motivi di sicurezza, l’aereo deve rientrare alla base.
Altro tratto comune: niente sigarette elettroniche in stiva, le stesse sono ammesse solo sulla persona o nel bagaglio a mano, quello che, cioè, si porta con se a bordo.
Easyjet, entrando nel dettaglio, specifica che è consentito portare sigarette elettroniche e un massimo di due batterie di ricambio nel bagaglio a mano.
Air Europa, nel ribadire la regola (e-cig mai in stiva ma solo nel bagaglio a mano) ricorda anche come “questi articoli presentano un potenziale rischio di surriscaldamento che può provocare la combustione del bagaglio che li contiene”.
Specificandosi come “tale rischio si estende anche alle parti o dispositivi di questi apparecchi utilizzati con le sigarette elettriche, come le batterie, le resistenze e i vaporizzatori”.
Ita Airways ammette tale articoli solo sulla persona (neppure, quindi, nel bagaglio a mano); Volotea, invece, consente una e-cig e un massimo di due batterie sfuse da portare solo nel bagaglio a mano e sulla persona.
Wizz Air, proseguendo, in aggiunta alle norme generali, mette in evidenza la raccomandazione ai passeggeri di adottare le misure necessarie per prevenire l’attivazione accidentale dei dispositivi.
Neos, al pari di Ryanair, da libertà di trasportare i vaporizzatori sia sulla persona o nel bagaglio a mano.
Air Dolomiti, andando avanti, accende il disco verde alle e-cigarette all’interno del bagaglio a mano ma non specifica circa la persona.

LE REGOLE PER I LIQUIDI

Per quanto riguarda i liquidi per sigaretta elettronica, poi, la disciplina è la stessa degli altri prodotti della stessa tipologia: vale a dirsi che è possibile trasportare, sempre nel bagaglio a mano, fino ad un litro di liquidi divisi in boccette da massimo 100 ml cadauna. Preferibile, tuttavia, inserirli in sacchetti di plastica trasparenti al fine di facilitare i controlli all’imbarco.