Adempimenti post legge Bilancio: Unasweb al tavolo Aams

0

Unasweb al tavolo di Aams – precisamente della Direzione Tabacchi – per parlare delle nuove e prossime soluzioni per il settore conseguenti alla approvazione della Legge di Bilancio statale.
Arcangelo Bove, Ceo di Svapoweb, prenderà parte, nelle sue vesti di anche Presidente Unasweb, alla videoconferenza indetta dalla Agenzia Dogane e Monopoli che si svilupperà nella giornata di Martedi con il coinvolgimento delle associazioni del settore.
E’ il primo momento di confronto che si avrà all’indomani della ratifica del documento contabile nazionale e nelle more di attivare le misure che, come ebbe ed anticipare la stessa Aams, dovrebbero porre freno al fenomeno del contrabbando.
“Sarà un’occasione di importante interfaccia – fa presente Bove – e, ovviamente, in quella sede ci presenteremo con la nostra propositività. Porteremo le nostre idee – insiste il Ceo Svapoweb – figlie non già dell’improvvisazione ma di anni di esperienza maturate “dentro” il settore.
Ebbene, ad Aams, dopo interfaccia con gli associati e con i singoli protagonisti dei nostri canali, presenteremo suggerimenti che riguarderanno modalità che riteniamo possano essere valide al fine di frenare l’increscioso fenomeno del mercato nero in entrata dall’Estero.

BOVE “PRESENTEREMO NOSTRE PROPOSTE”

Presenteremo, con massima umiltà ma in modo convinto e deciso, le nostre idee ai fini di approdarsi ad un settore che sia finalmente non penalizzato da ingerenze illegali.
Un mercato che premi il grande distributore, il produttore, il singolo negoziante onesto, da sempre attento ad un cosmo immenso di norme, adempimenti, parametri.
E che non può vedere mortificata la sua lealtà da furbetti che recano danno all’Erario e, soprattutto, rappresentano un serio attentato alla pubblica salute.
E’ il momento di fornire garanzie vere, reali e noi di Unasweb siamo pronti a fornire il nostro contributo.
Convinti anche,
concetto che pure ribadiremo al tavolo di Martedi – spiega l’imprenditore sannita – come porre freno al contrabbando vorrà anche dire creare i presupposti per assicurare maggiori entrate allo Stato e, quindi, un medio abbattimento della tassazione.
Perchè se pagano tutti
– chiude Arcangelo Bove – pagheremo tutti di meno”