A bordo del Ducato con 110 chilogrammi di sigarette di contrabbando: arrestato

0
2

Sul mercato avrebbe fruttato la bellezza di 45.000 euro di profitti.
Maxi sequestro quello effettuato nel Nord Italia dalle Fiamme Gialle di Venezia.
Che hanno intercettato un ingente carico di sigarette di contrabbando per complessivi 110 chilogrammi.
A finire nella rete degli inquirenti un indiano – non è stato chiarito da quanto tempo il medesimo fosse residente in Italia.
La Guardia di Finanza della città lagunare lo teneva d’occhio già da diverse settimane, evidentemente insospettita dai suoi movimenti, e nei suoi confronti, senza che ovviamente l’interessato se ne rendesse conto, erano già scattati controlli da remoto ed attività di pedinamento.

BLITZ IN DUE FASI

In provincia di Brescia, quindi, è scattato il blitz: le Fiamme Gialle hanno intercettato l’indiano a bordo del suo furgone Ducato.
Una volta bloccato, è stato immediatamente rinvenuto nel vano posteriore del mezzo un quantitativo pari a circa 20 chilogrammi di tabacco di contrabbando.
Successivamente è scattato l’approfondimento che ha portato ad indagare su tutte le disponibilità dell’uomo.
Il riscontro è stato, anche in questa circostanza positivo: le perquisizioni hanno portato alla individuazione di ulteriori 90 chilogrammi del medesimo materiale, anche in questo caso riconosciuto dalla Forze dell’Ordine come proventi di traffico illecito.

L’ARRESTO

Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro venendo stimato, come prima detto, in un potenziale controvalore sul mercato illecito per ben 45.000 euro.
Accertamenti sono in corso per comprendere quale sia stata la “genesi” dei tabacchi ovvero se gli stessi siano entrati dall’Estero sul territorio nazionale – e, in tal caso, da quale versante – o se, invece, la produzione sia “interna”.
Ad ogni modo, l’uomo è stato arrestato in flagranza di reato.
Si conferma l’intenso movimento di un mercato parallelo di tabacchi, parallelo a quello ufficiale.
Una situazione che, ovviamente, è strettamente connessa anche al costo progressivamente più alto dei pacchetti.
Sempre alta l’attenzione delle Forze dell’Ordine, tanto ai varchi di frontiera tanto all’interno dei confini.