Usa, dati sensazionali sul numero dei fumatori (grazie allo svapo)

0
82

Coma fare informazione a metà.
Che, in un certo senso, significa fare disinformazione.
Il caso è relativo a quello che si sta verificando negli Stati Uniti d’America in merito ai “numeri” di fumo e di sigaretta elettronica.
Con riguardo a quest’ultima, in particolare, gli ultimi dati disponibili, quelli relativi all’anno 2021 e come snocciolati dal National Health Interview Survey, dicono che un adulto americano su venti svapi.
La percentuale sale guardando, invece, alla fascia giovanile tra i 18 ed i 24 anni, arco anagrafico nel quale l’incidenza della e-cig è praticamente doppia riscontrandosi un tasso pari a circa una persona su dieci.
Apriti cielo.
I media americani hanno acceso i riflettori su quest’ultimo dato gridando allo scandalo ed all’emergenza sanitaria.
Ma non hanno provveduto a “completare” l’informazione.
Una volta detto, come ora accennato, che un giovane su dieci tra i 18 ed i 24 anni svapa, non hanno aggiunto che, con riferimento alla stessa coorte d’età, si riscontri, di contraltare, appena il 2 percentuale di fumatori.
E non hanno ulteriormente fatto menzione del fatto che, sempre circa la stessa fascia anagrafica di osservazione, i fumatori, nell’anno 2002, fossero addirittura il 22,5% della popolazione.

UNA RELAZIONE? MANCO A DIRLO

Vuoi vedere che tra questi due dati vi sia una relazione?
Ovviamente i media americani, fondamentalmente anti-svapo, fatta qualche fisiologica eccezione, non s’azzardino manco lontanamente ad avanzare un rapporto di causalità tra un “dato” e l’altro (ovvero più svapo, meno fumo).
Un mero caso?
E’ lecito pensare che non lo sia: del resto, in una realtà come quella del Regno Unito, che della soluzione svapo sta facendo un’arma decisiva in chiave di smoking cessation, si stanno riscontrando “modelli” numerici del tutto simili.
Ovviamente, è chiaro sottolineare come, con particolare merito alla fetta giovanile, sia auspicabile che non si fumi e non si svapi.
Questo sarebbe senz’altro l’optimum.
Ma se la sigaretta elettronica serve a non far fumare i giovani, ben venga allora quello che è senz’altro il danno minore.

- Scritto da Italo Di Dio