“Vietare le sigarette elettroniche usa e getta è un primo passo per totale proibizione dello svapo”

0
56

Una voce che è un pò controcorrente rispetto al coro generale dei detrattori.
Una voce qualificata che difende le “usa e getta” mettendo in guardia sul fatto che un eventuale divieto di tali dispositivi corrisponderebbe – addirittura – ad un “primo passo verso la totale proibizione dello svapo”.
Martin Cullip – già Presidente dell’inglese “The New Nicotine Alliance” – argomenta in modo molto puntuale confutando la prima, grande critica che viene mossa alle monouso.
Ovvero quella di tipo ambientale.
Sebbene sia vero – ha esordito – che i vaporizzatori usa e getta sono fatti di plastica e contengono batterie al litio, le minacce sono esagerate.
Centinaia di altri prodotti, dai telecomandi ai telefoni, contengono gli stessi materiali eppure nessuno prenderebbe mai in considerazione un divieto di tali prodotti”.

Tutto il clamore sviluppatosi, quanto all’impatto ambientale dei vaporizzatori, sarebbe secondo Cullip “da attribuire ad una negligenza che è tutta dei rivenditori” dal momento che quest’ultimi non sensibilizzerebbero e non informerebbero adeguatamente i clienti sulla necessità e sulla obbligatorietà di smaltire in determinate modalità i prodotti.

LA QUESTIONE AMBIENTALE

Prodotti che, si ricorda, in Inghilterra come in Italia, ricadono nella tipologia dei Raee e, quindi, non possono essere gettati come comune rifiuto ma devono essere consegnati, tramite lo stesso negoziante o direttamente presso gli appositi centri di smaltimento.
Quando si è scoperto che la Volkswagen aveva violato gli standard sulle emissioni – prosegue Cullip facendo un parallelo “automobilistico” – la soluzione non è stata quella di vietare tutte le auto, o anche i modelli particolari, ma garantire che gli standard fossero rispettati.
Allo stesso modo, il problema riguarda la condotta dei rivenditori, non i prodotti legittimamente prodotti dall’industria dello svapo”.

Alla fin dei conti, quindi, la questione ambientale sarebbe per molti “solo una maschera per la loro irrazionale antipatia per lo svapo”; Molti che “ignorano i vantaggi sociali offerti dai vaporizzatori e dalle sigarette elettroniche e considerano i prodotti usa e getta solo un argomento per vietare completamente lo svapo”.

“ECONOMICAMENTE PIU’ VANTAGGIOSI”

“I vaporizzatori usa e getta svolgono un ruolo fondamentale per molti quando passano dalle sigarette – conclude Cullip – I potenziali ex fumatori possono fare un test con le usa e getta senza impegnarsi in dispositivi ricaricabili che rappresentano un impegno finanziario maggiore, soprattutto considerando che il fumo è fortemente centrato nelle comunità più svantaggiate.
Inoltre, vietare i vaporizzatori monouso escluderebbe interi settori della società dalla possibilità di abbandonare le sigarette.
Le persone anziane e quelle con determinate problematiche di salute spesso trovano i prodotti usa e getta molto più facili da usare rispetto a quelli ricaricabili che richiedono lo smontaggio ed il rimontaggio delle componenti”.

- Scritto da Arcangelo Bove