Sigarette elettroniche, Coehar a caccia dei “difetti” che distorcono le ricerche

0
77
Coehar-ecco-lo-studio -Osserveremo-sigaretta-elettronica-per-sei-anni-svapomagazine.jpg
Coehar-ecco-lo-studio -Osserveremo-sigaretta-elettronica-per-sei-anni-svapomagazine.jpg

Molto spesso, i risultati di studi scientifici in campo biomedico vengono presentati in maniera eclatante, generando un flusso di informazioni e di titoli con il preciso obiettivo di assicurare la pubblicazione.
Tuttavia, l’analisi attenta di questi lavori rivela che molti dati non significativi vengono presentati come fondamentali quando in realtà non lo sono. 
In sintesi, quando i risultati della ricerca vengono interpretati in maniera distorta, intenzionalmente o meno, e quando i ricercatori suggeriscono ingiustificatamente risultati favorevoli o sfavorevoli che portano a conclusioni fuorvianti, allora si è in presenza di “spin bias” dei risultati. 
I ricercatori del progetto In Silico Science, uno studio condotto dagli scienziati del Coehar, Centro di Ricerca per la Riduzione del danno da fumo dell’Università di Catania, guidati dalla dottoressa Renée O’Leary, stanno lavorando ad una serie di revisioni sistematiche sugli studi sul fumo elettronico al fine di individuare tutti gli spin bias contenuti in alcuni studi sulla riduzione del danno.  

LA REVIEW

Proprio oggi è stata pubblicata su BMC Research Notes la review dei ricercatori di In Silico dal titolo “Identifying spin bias of nonsignificant findings in biomedical studies.
La loro ultima revisione sugli effetti cardiovascolari della sostituzione delle sigarette elettroniche con quelle convenzionali ha sostanzialmente confermato che le prime non hanno effetti avversi sui parametri cardiovascolari.
Tuttavia, come parte della loro revisione, i ricercatori di Coehar hanno ulteriormente condotto una valutazione qualitativa sugli studi clinici dalla quale è emerso che ben sette studi su ventisei presentavano spin bias, ovvero un insieme di pregiudizi che possono essere utilizzati come difesa di un pensiero ma che conducono alla pubblicazione di risultati nulli. 

L’INTERVENTO DI O’LEARY

La nostra review sugli effetti cardiovascolari ha riportato oltre il 66% di risultati non significativi nei test.
Un dato importante che indica che le e-cig non presentano differenze nei test cardiovascolari rispetto alle sigarette convenzionali – ha spiegato la dottoressa O’Leary – Non siamo gli unici ricercatori ad osservare errori nella letteratura biomedica. Uno studio ha confrontato 896 abstracts e ha rilevato che il 15-35% di questi era incoerente con i dati e un altro studio ha osservato che il 27% degli studi mostrava spin bias con risultati non significativi”. 

LE PAROLE DI POLOSA

Inoltre, come spiega il professore Riccardo Polosa, fondatore del Coehar
La distorsione del dato scientifico e la ricerca sfrenata di titoli sensazionalistici sta conducendo tutto il mondo accademico in un baratro di credibilità dal quale sarà difficile uscire fuori.
Identificare ed eliminare i pregiudizi nel campo della ricerca scientifica ci consentirà di cambiare rotta e riportare la scienza sul piano della autorevole legittimazione della verità che gli spetta.
Un linguaggio accurato e un processo di revisione indipendente devono essere le basi per la diffusione di informazioni rilevanti.
Solo in questo modo possiamo creare una coscienza critica nell’utilizzatore finale e negli organi deputati a prendere decisioni di salute pubblica”.
Questa nuova tecnica per l’identificazione e la segnalazione dello spin bias non è un piccolo contributo al dibattito sulla riduzione del danno da tabacco.
Quando gli autori travisano le loro scoperte, intenzionalmente o meno, le loro conclusioni vengono presentate come prove. 
Soprattutto per il controverso campo della ricerca sulle sigarette elettroniche, i risultati devono essere discussi accuratamente.
Il dibattito sulle sigarette elettroniche non deve essere distorto da risultati non significativi riportati con spin bias.
(da Coehar)

- Scritto da Arcangelo Bove