Olanda, presto vietata la vendita di sacchetti di nicotina

0
210

Droghe leggere si, sacchetti di nicotina no.
È un po’ (un bel po’, a dire il vero) contraddittorio il provvedimento che si accinge ad approvare il Governo olandese.
Amsterdam, infatti, ha annunciato – cosa già annunciata una manciata di settimana addietro da Svapo Magazine – che provvederà a stretto giro a bandire dal commercio – appunto – i cosiddetti sacchetti di nicotina.
Si tratta, come noto, di una sorta di snus senza tabacco (laddove la nicotina è presente sotto forma di sali) che, al pari del prodotto “cugino” tanto diffuso in Svezia e Norvegia, si posiziona tra labbro superiore e gengiva consentendo l’assunzione della sostanza.
Una soluzione che sta consentendo a tanti fumatori di staccarsi dalle sigarette – eclatante il caso Svezia dove, grazie allo snus, si è raggiunto, primo Stato in Europa, lo status di Paese senza fumo (con ciò intendendosi che si è riusciti a scendere sotto la percentuale del 5% di fumatori rispetto alla popolazione generale).
Questi bigliettini da visita, però, non paiono con tutta evidenza suscitare appeal sul Governo olandese che pure paga il drammatico pegno di 30.000 morti fumo correlate all’anno.
Ma che pare essere alquanto ostinato nella sua dura lotta alle alternative.
Alla fattispecie di quest’ultime, infatti, tanto per dirne una, si andranno presto ad estendere le leggi sul tabacco esistenti con particolare riguardo ai luoghi dove non sarà più consentito fare uso di sigarette elettroniche e di tabacco riscaldato (in pratica dove già ora non si fuma non si potrà più svapare).

VIETATA ANCHE LA PUBBLICITA’

Ma non è tutto: sarà anche vietata la pubblicità di prodotti a base di nicotina senza combustione.
Nicotina peggio degli stupefacenti leggeri, quindi, nella bilancia delle valutazioni “orange” nonostante le prove schiaccianti portate dalla scienza internazionale e da associazioni di categoria.
Un approfondimento targato Acvoda-Esigbond, infatti, ha appurato come tre quarti dei vapers olandesi, in mancanza della e-cig, avrebbe continuato a fumare e come il 90 percentuale di essi ha rivelato di avere goduto di un miglioramento nelle condizioni di salute nel passaggio dal fumo allo svapo.
Ma tant’è.
La via delle alternative, in terra olandese, è un vicolo cieco.
Ed i sacchetti di nicotina sono solo un aspetto di una questione che è decisamente ben più ampia.

- Scritto da Arcangelo Bove