Bove (Unasweb) ricevuto dal Direttore Adm Alesse

0
210

Importante momento di confronto quello che si è sviluppato nella mattinata di ieri a Roma.
L’imprenditore sannita Arcangelo Bove, padre del brand Svapo Web, nelle sue vesti di Presidente dell’associazione Unas Web – Unione nazionale Affiliati Svapo Web – è stato ricevuto a piazza Mastai dal Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, dottore Roberto Alesse.
Ad accompagnare Bove il Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera, anche Presidente del Comitato per la Legislazione del Senato della Repubblica.
Oltre cinquanta minuti di dialogo tra le parti nel cui contesto sono stati sviscerati i vari aspetti del settore con Unasweb che, in particolare, ha rinnovato la propria disponibilità in termini di esperienza ribadendo la propria posizione di assoluta e costruttiva collaborazione.
Soddisfazione per i contenuti dell’appuntamento quella che è stata espressa dal Presidente Unasweb Arcangelo Bove, immediatamente dopo la conclusione del mini vertice, con quest’ultimo che ha voluto ringraziare il Direttore per la disponibilità auspicando che si possa proseguire in un clima di sempre serena interfaccia.

COS’È UNASWEB

L’associazione Unasweb, come noto, raduna gli imprenditori che si sono affiliati al franchising Svapo Web, ovvero oltre 230 sparsi in tutto il territorio nazionale, al fine di creare una piattaforma di dialogo ove poter mettersi in costante relazione dando forma ad una voce univoca e forte capace di radunare le varie istanze.
Così individuando quelli che sono i comuni denominatori in termini di aspetti migliorabili e di criticità.
Fare rete, in via definitiva, secondo il motto sempreverde dell’unione che fa la forza.
Archiviato il momento di cui ieri, Unas Web prosegue nella sua “mission”.
Come da Statuto, si ricorda, il sodalizio spazia dalla “tutela e sviluppo di rapporti con Istituzioni pubbliche e private, Pubblica Amministrazione, Organizzazioni politiche, economiche e sociali a livello nazionale, europeo, internazionale ed a tutti i livelli territoriali”, alla “stipula di accordi e contratti collettivi nazionali di lavoro” passando per la “divulgazione di dati relativi alla tiratura ed alla diffusione di documenti, articoli, servizi giornalistici, quotidiani e periodici di settore” nonché per “l’adesione a similari organizzazioni internazionali e per la produzione di materiale didattico e di ricerca”.

- Scritto da Arcangelo Bove