Svapo legale, il Governo inglese mette in campo le “squadre speciali”

0
140

Incentivi per complessivi 3 milioni di sterline.
Qualcosa pari, occhio e croce, a 3,4 milioni di euro.
E’ la somma che il Governo inglese ha messo sul piatto per rinforzare la battaglia contro gli illeciti che si riscontrano nel mondo della sigaretta elettronica.
Non solo, quindi, il milione di “kit” che saranno dati in omaggio ai fumatori che vogliano intraprendere il percorso di smoking cessation; Non solo le 400 sterline che verranno erogate alle donne (fumatrici) in stato di gravidanza.
La guerra al tabagismo, nel Regno Unito, passa anche per altre strade, forse con giri più lunghi, nell’esclusivo obiettivo di arrivare al risultato ultimo e principe di abbattere i tassi di fumo.
E di centrare quello che sarebbe l’importantissimo traguardo di Paese libero dal fumo (ovvero con una percentuale di fumatori uguale o inferiore alla soglia del 5 percentuale) entro l’anno 2030.

I TRADING STANDARDS

La task force, quindi, formata da personale che è riconducibile ai cosiddetti “Trading Standards” – vale a dire quegli specifici Dipartimenti delle Autorità locali del Regno Unito demandati a fare applicazione della legislazione sulla protezione dei consumatori – si concentrerà sul contrasto ad attività relative alla vendita di prodotti dello svapo a minori ed alla circolazione di prodotti afferenti il mercato nero ed il contrabbando.
Le risorse supplementari che saranno impegnate dal Governo, ancora, serviranno anche per produrre linee guida per i rivenditori al fine di fornire loro strumenti di conoscenza delle normative che siano utili ad individuare i dispositivi illeciti.
La New Nicotine Alliance ha salutato “calorosamente” l’approccio del Governo “di abbracciare prodotti a rischio ridotto per smettere di fumare, resistendo anche a regolamenti proibitivi semplicistici per ridurre lo svapo giovanile che potrebbe fare più male che bene”.
Circa lo specifico dei finanziamenti extra impegnati per rinforzare il rispetto delle norme vigenti in fatto di svapo legale, l’iniziativa viene definita dalla Nna “sensata e proporzionata”.

- Scritto da Arcangelo Bove