Nuovi brevetti, il mondo dello svapo attivissimo: brilla Philip Morris

0
133

Qual è il settore che opera ed investe maggiormente in ricerca?
Ebbene, tra le prime dieci posizioni vi è sicuramente quello dato da sigaretta elettronica e tabacco riscaldato.
Lo sostiene approfondimento condotto da IFI Claims Patent Services.
Stante a tale banca dati, nello specifico, nell’ambito delle tecnologie, il macrocosmo dato dalle alternative al fumo sarebbe alquanto propositivo in quanto a deposito di nuovi brevetti.
E sempre rimanendo in questo ambito, si segnala in modo forte l’attività di Philip Morris International: il colosso statunitense – 31,4 miliardi di dollari di fatturato e padre di marchi quale Marlboro – ha depositato nel solo anno 2022 ben 1.364 domande di brevetto tutte afferenti l’area svapo-riscaldato.
Ciò rappresentando la chiara fotografia di un atteggiamento teso al vaglio di nuove soluzioni tecnologiche utili a migliorare la qualità del servizio reso al consumatore.

TANTE LE BIG

Philip Morris è in ottima compagnia in quanto ad aziende produttive: tra quelle che hanno depositato un maggior numero di brevetti nell’anno appena concluso, infatti, figurano realtà come Taiwan Semiconductor, Huawei Technologies, Canon, LG Electronics, Qualcomm, Intel, Apple e Toyota Motor.
Ai vertici assoluti, invece, c’è la big della telefonia Samsung che ha preso il posto di Ibm, dopo un periodo di lungo dominio da parte di quest’ultima.
In ogni caso, focalizzando il discorso sul settore delle alternative, il gradino più alto del podio resta occupato da Philip Morris, che stacca di gran lunga gli altri giganti della produzione cinese.
Una virata decisa quella che da diversi anni a questa parte si è data il gruppo capitanato dal Ceo Jacek Olczak che ha dichiaratamente annunciato di voler cancellare entro un breve lasso temporale il classico tabacco dalle rotative della produzione per concentrarsi ancor di più esclusivamente sui nuovi prodotti.
Uno sforzo che richiede grande intensità, appunto, nell’ambito della ricerca, versante sul quale si sta investendo in modo imponente sia in termini di risorse umane sia in termini di strutture.

- Scritto da Arcangelo Bove