Sigarette elettroniche di contrabbando, sequestrati 200.000 pezzi

0
137

Ancora sigarette elettroniche “contrabbandate” a finire nel mirino delle Forze dell’Ordine.
L’operazione, questa volta, è stata eseguita in Basilicata per mano della Guardia di Finanza.
Operatori delle Fiamme Gialle del Comando provinciale di Matera hanno dato vita, in particolare, ad una maxi operazione sul territorio di giurisdizione arrivando a sequestrare oltre 200.000 prodotti tra carte da gioco, sigarette elettroniche e accessori per tabacchi da fumo.
In un negozio, in particolare, sono stati sequestrati circa 8.500 articoli “verosimilmente contraffatti”.
In un altro esercizio commerciale, invece, sono stati scoperti e posti sotto sequestro oltre 192.000 pezzi “tra sigarette elettroniche contenenti nicotina liquida e accessori per tabacchi da fumo quali filtri e cartine”.
Tale materiale, è stato annotato dai militari della Guardia di Finanza, è stato messo in commercio senza la preventiva autorizzazione rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

MAXI SANZIONE

Al titolare è stata quindi contestata un’imposta evasa pari a oltre 45.000 euro e comminata – è scritto nel comunicato delle Fiamme Gialle – una sanzione amministrativa per vendita di merce di contrabbando pari a 10.000 euro.
Proseguono le attività di repressione da parte delle Forze dell’Ordine nell’ottica di contenere i fenomeni legati alla circolazione di prodotti del vaping sul mercato nero.
Solitamente si tratta di materiale di importazione cinese che entra nel territorio nazionale, ovviamente, tramite le vie del web.
Le “usa e getta” a rappresentare la principale tipologia “spacciata”, come anche testimoniato da alcuni servizi dell’inviato di Striscia la Notizia Luca Abete.
Situazione di illegalità diffusa, quindi, con gli Organi preposti che tentano di arginare, alla meno peggio, il fenomeno.
Oltre al danno per l’Erario, ancora, v’è pure il pericolo per la salute dal momento che siffatti dispositivi sono caricati con nicotina al 5%, percentuale che è ben più alta del limite – pari al 2 percentuale – fissato dalla normativa nazionale.

- Scritto da Italo Di Dio