Polosa-Farsalinos “Narrativa anti-svapo, è una vergogna”

0
87

 Una pletora di studi di scarsa qualità nel campo della scienza delle sigarette elettroniche sta distorcendo la verità scientifica. 
Un limite gravissimo nella corretta divulgazione dovuto, in parte, al processo di peer review editoriale presso le principali riviste scientifiche.
Cosa che spesso dà voce a interpretazioni errate e conclusioni fuorvianti.
Nel loro commento “Una storia di ricerca sulle sigarette elettroniche imperfette non rilevata da un processo di revisione tra pari difettoso” pubblicato su “Internal and Emergency Medicine”, i principali ricercatori sulla riduzione del danno Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR, e Konstantinos Farsalinos dell’Università dell’Attica occidentale denunciano il pericolo di un’escalation nella promozione e diffusione di una narrativa anti-svapo supportata da prove di qualità inferiore. 
I due scienziati spiegano che sempre più ricerche non tengono conto della rilevanza della tempistica dell’evento, aspetto che è fondamentale al fine di stabilire relazioni di causa ed effetto.
Ad esempio, studi trasversali che non includono informazioni sull’età di inizio dell’uso della sigaretta elettronica e sull’uso di sigarette combustibili non possono essere affidabili per trarre conclusioni sulle associazioni potenzialmente causali con le tipiche malattie legate al fumo.
 Quel che è peggio, secondo gli autori, è che nessuno nelle redazioni di note riviste scientifiche sembra minimizzare questo dettaglio critico.

LA NARRATIVA ANTI-SVAPO

Gli autori hanno considerato, come esempio, un lavoro di Parker et al (2020), che ha analizzato il Behavioral Risk factor Surveillance System (BRFSS) sul possibile “rischio di ictus” associato all’uso di e-cig: hanno riferito che il passaggio da combustibili le sigarette elettroniche alle sigarette elettroniche non conferisca benefici per l’ictus e che i consumatori di sigarette elettroniche che erano ex o attuali fumatori di sigarette avevano probabilità di ictus significativamente più elevate.
 Il fatto è che all’interno del rapporto non erano disponibili informazioni sull’età di inizio nell’uso della sigaretta elettronica o sull’insorgenza di ictus. 
Pertanto, nessun nesso causale può essere posto tra i due eventi. 
E questo non è l’unico caso. 
“Stiamo assistendo a una proliferazione di narrativa anti-svapo guidata da scienza e ideologia di bassa qualità, ed è per questo che la posizione degli esperti rimane divisiva e promuove lo status quo nella salute pubblica – ha affermato Polosa – Di questo stato di cose sono da ritenersi responsabili i direttori di importanti Riviste scientifiche. 
È una vergogna. È in gioco la credibilità dei ricercatori di sanità pubblica!”.

LE PAROLE DI FARSALINOS

Come simbolo di buona scienza, gli autori citano un documento di Rodu e Plurphanswat (2022) che ha utilizzato il Population Assessment of Tobacco and Health Survey PATH (wave 1), che contiene informazioni sull’età della diagnosi di una malattia specifica e sul tabacco o sulla età di iniziazione della nicotina
Come affermato in questo studio, le malattie legate al fumo sono state diagnosticate solo raramente nelle persone che hanno svapato prima dell’età della diagnosi di questi disturbi, mentre queste malattie sono state quasi sempre diagnosticate dopo l’età dell’inizio del fumo. 
I casi di malattia tra i fumatori che si sono verificati dopo la prima esposizione hanno rappresentato il 97% di tutti i casi di BPCO, il 96% di enfisema, il 98% di infarto del miocardio e il 93% di ictus.
 Inoltre, la maggior parte di tali patologie è stata infine diagnosticata negli intervistati che hanno iniziato a fumare prima dei 18 anni di età. 
“Molti articoli scientifici pubblicati sulle riviste scientifiche più autorevoli – così Farsalinos – non analizzano e non considerano la storia pregressa di fumo dei pazienti o qualsiasi informazione di inizio esposizione o diagnosi. 
Invece di fidarci del processo scientifico, stiamo basando le scelte di salute pubblica sul passaparola, sulla raccolta delle ciliegie e sulle esagerazioni”.
 La diffusione di informazioni imprecise sulle alternative senza fumo da parte degli editori e, successivamente, dei media contribuisce allo scetticismo e all’incertezza nel pubblico, in particolare tra i fumatori che, di conseguenza, sono scoraggiati dall’adottare stili di vita a rischio ridotto. 

- Scritto da Italo Di Dio