“La sigaretta elettronica può salvare 19 milioni di europei”

0
27

“Ulteriori 19 milioni di vite possono essere salvate in Europa con adottandosi una normativa in fatto di svapo che, su scala europea, sia adeguata e a misura di consumatore”.
Ad intervenire con una nota ufficiale è la World Vaper’s Alliance, sodalizio che, guidato dalla presidenza di Micheal Landl, agisce su scala internazionale al fine di sensibilizzare le Istituzioni verso le ragioni del minor danno da fumo.
Il dibattito, in realtà sempre vivo, ha ripreso vigore ulteriore negli ultimi mesi in vista della revisione della Tpd.

IN 24.359 HANNO RISPOSTO ALLA RICHIESTA DI CONTRIBUTI

Allo scopo, come noto, la Commissione europea ha aperto la consultazione pubblica per chiedere il contributo dei vari portatori di interesse.
E a questo appello, che si spera non sia solo passerella, hanno risposto, entro il termine prestabilito del 17 Giugno, ben 24.359 tra esperti e cittadini comuni.
Tra questi, appunto, anche la World Vaper’s Alliance.
Lo svapo non deve e non può essere trattato come il fumo. Qualsiasi approccio diverso dalla riduzione del danno risulterà essere una battuta d’arresto significativa nella lotta contro le malattie indotte dal fumo”, hanno fatto presente dal sodalizio.
In attesa delle future decisioni, intanto, dalla associazione in questione viene l’invito rivolto alle Istituzioni europee ad “ascoltare finalmente i consumatori, gli esperti e la scienza”.

FONDAMENTALE LA FASE DI INTERFACCIA

Non è ammissibile, infatti, non è pensabile che una normativa che andrà a toccare i consumatori non vada a germogliare dall’interfaccia con i consumatori stessi e resti sordo rispetto alle conclusioni che sono venute da ricerca e scienza qualificate.
Una futura legge sul contenimento del tabacco e sulle strategie di smoking cessation deve necessariamente nascere a tutela esclusiva dei fumatori e di quanti vogliano sottrarsi alla dipendenza.
Non si può, quindi, non partire, come primo step, da una fase di attento dialogo per capire come e cosa fare.
Ma un dialogo che sia vero, reale e non già, come prima accennato, un contentino per dare una parvenza di democrazia.

- Scritto da Arcangelo Bove